Comuni

Napoli, caos e assembramenti per la movida al Centro Storico e ai Quartieri Spagnoli. Vagoni strapieni nelle metro

loading...

Napoli, 20 Febbraio – “Il Centro Storico di Napoli, venerdì sera, era stracolmo di persone. Piazzetta Orientale, come mi hanno segnalato, era letteralmente invasa da centinaia di ragazzi. Tutti assembrati, molti senza mascherina. Stesso spettacolo anche ai Quartieri Spagnoli, dove si beve e canta per strada tutti ammassati. Siamo diventati zona arancione proprio a causa di questi comportamenti irresponsabili, e invece di farla finita cosa fanno? Si riversano in strada per la movida, un vero e proprio assalto.

E’ assurdo. Il tutto mentre i vagoni della Linea 1 e 2 della Metropolitana e della Circumvesuviana sono intasati. In queste condizioni nemmeno la zona arancione servirà a qualcosa, e finiremo dritti in zona rossa. Una mazzata per tantissime attività commerciali, un pericolo enorme per la nostra salute. In giro c’è toppa irresponsabilità, con i più giovani che spesso se ne infischiano delle regole e si dedicano alla movida. Così finiremo nel baratro. Siamo d’accordo anche noi sul fatto che servono più controlli, ma davvero dopo un anno non siamo in grado di capire che dobbiamo indossare la mascherina ed evitare assembramenti?”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.