Cronaca

Napoli, Camorra.Giovanni Melillo riorganizza la Direzione distrettuale antimafia

loading...

Napoli, 12 ottobre – A due mesi dal suo insediamento al vertice della Procura della Repubblica più grande d’Italia, Gianni Melillo riorganizza la Direzione distrettuale antimafia di Napoli.

La nuova organizzazione decisa dal procuratore Giovanni Melillo è scaturita da una serie di riunioni con gli aggiunti e i sostituti titolari delle inchieste sulla camorra. I magistrati saranno ripartiti in tre gruppi ai quali verranno affidate le indagini antimafia su tre distinte aree geografiche.

Un gruppo composto da 12 magistrati si occuperà dei clan attivi nella città di Napoli e sarà coordinato dal procuratore aggiunto Filippo Beatrice; altri dieci sostituti, sotto il coordinamento dell’aggiunto Giuseppe Borrelli.  Lavoreranno alle indagini relative alla provincia di Napoli con una competenza estesa anche alle aree degli altri tribunali della provincia, ovvero Nola e Torre Annunziata e parte di geografiche Nord. A un terzo pool di nove pm, coordinato da un procuratore aggiunto ancora da designare, saranno affidati i fascicoli riguardati, tra gli altri, il clan dei Casalesi, e in riferimento alle aree le zone del Casertano e del Beneventano.

Secondo indiscrezioni il pm Henry John Woodcock dovrebbe passare al pool coordinato da Borrelli, occupandosi in particolare del giuglianese, area ad alta densità camorristica.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.