Comuni

Napoli, Baby gang scatenata a bordo di un controllo della linea 2: passeggeri terrorizzati

Napoli, 24 Agosto – “Da tempo immemore denunciamo che la devianza giovanile è oramai un emergenza. Quanto accaduto a bordo del treno della linea 2 della metropolitana non ci sorprende. Sono scene che accadono di continuo, ogni giorno. Chi vive la città lo sa. A bordo dei mezzi pubblici c’è il rischio costante che salga a bordo un gruppetto di giovani teppisti ed inizi a dare fastidio. Il fenomeno è trasversale ma si concentra prevalentemente sulle linee su ferro. Migliaia di giovanissimi napoletani crescono nel mito di modelli sbagliati e all’ombra di famiglie assenti. Proponiamo da tempo di togliere i figli ai camorristi ma sappiamo che genitori svagati e poco attenti si trovano anche al di fuori del perimetro della malavita”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli commentando la notizia riportata da “Il Mattino”. “E così, abbandonati e male educati dalle famiglie, i giovanissimi finiscono per crescere secondo la legge della giungla dove l’unica regola è l’affermazione del più forte. Servono provvedimenti, e occorre prenderli a breve. Tutti i treni devono essere dotati di immagini di videosorveglianza e, in corrispondenza delle stazioni, devono essere istituiti dei presidi di sorveglianza pronti ad intervenire quando la situazione a bordo di un convoglio va fuori controllo”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa