Comuni

Napoli, al via il taglio della pastiera più grande del mondo al Gran Caffè Gambrinus

Napoli, 12 Aprile – La più grande del mondo. Più di 260 chilogrammi di ingredienti per preparare il ripieno, circa 40 per la pasta frolla. Quattro ore di cottura in forno a 190 gradi et voilà, la pastiera da record è pronta. E’ stata preparata dai maestri pasticcieri del Gran Caffè Gambrinus che, rispettando la ricetta tradizionale, hanno sfornato un dolce da 306 chilogrammi e 210 centimetri di lunghezza.

Numeri da record per la più grande pastiera mai realizzata, un “piccolo” tesoro dal valore commerciale di 7650 euro. Ma non è in vendita. Sabato 13 aprile alle ore 12,00 si terrà l’evento del taglio della pastiera, che sarà offerta gratuitamente a turisti e napoletani. A presentare il dolce dei record saranno presenti lo staff e i proprietari del Gambrinus, lo speaker radiofonico di Radio Marte Gianni Simioli e il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “L’evento di sabato – spiega Borrelli – è utile a dare risalto ad una delle eccellenze della tradizione pasticciera napoletana. La promozione dei prodotti tipici del territorio serve anche a farli conoscere al di fuori della Campania. I tanti turisti che assaggeranno gratuitamente una fetta della pastiera diventeranno i primi testimonial delle bontà della nostra cucina”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa