Politica

Migranti, Passariello (FDI):”Piano speciale nei siti culturali uno scandalo della sinistra. Lavoro ai patrioti, non agli irregolari. Prima l’Italia”

Napoli, 17 Dicembre – “L’ipotesi di un piano speciale di assunzioni per i migranti in Campania è un oltraggio ai tanti cittadini della nostra Regione ancora in attesa di collocazione. Già solo ipotizzare di mettere in campo una strategia d’accoglienza di questo tipo è scandaloso”. A denunciarlo il consigliere regionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Luciano Passariello. “Una vergogna acuita dalla notizia che si starebbe pensando di collocarli nei siti culturali più importanti del nostro territorio – prosegue Passariello -.  E allora mi chiedo: cosa accadrà a breve? I migranti diventeranno guide turistiche della nostra Regione senza neanche saper parlare la nostra lingua? Basta accoglienza indiscriminata, basta politiche buoniste che danneggiano i nostri concittadini costretti ad andare via dalla nostra Regione per trovare lavoro.

Le sinistre stanno mandando in rovina il Paese.  Ho il timore che questa follia possa essere attuata anche in altre Regioni mentre, invece, ci sarebbe bisogno di patrioti veri, che curino gli interessi dei tanti, tantissimi disoccupati ancora in attesa di risposte. Italiani sovranisti, non migranti”, conclude Passariello.

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.