Politica

L’Italia in lutto per la morte di un carabiniere ucciso. Verdi: “Profondamente addolorati. Purtroppo le aggressioni agli esponenti delle forze dell’ordine sono all’ordine del giorno”

Napoli, 26 Luglio – “Siamo profondamente addolorati per la morte di Mario Rega Cerciello, il carabiniere originario di Somma Vesuviana ucciso a coltellate a Roma. La scomparsa del militare colpisce profondamente l’intera comunità italiana e rialza il velo su un problema che sta diventando sempre più grave: le aggressioni ai danni degli esponenti delle forze dell’ordine. Ogni giorno le migliaia di lavoratori impegnati per garantire la sicurezza sono oggetto di violenze. Lo Stato non può assistere inerme a tale spirale. Occorre una risposta dura e determinata nei confronti dell’ondata delinquenziale”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il capogruppo del Sole che Ride in consiglio comunale a Somma Vesuviana Salvatore Esposito. “Nello stringerci intorno ai familiari del carabiniere ucciso, ai quali esprimiamo le nostre più commosse condoglianze, estendiamo il cordoglio all’Arma che ha perso un militare onesto e una persona perbene. Auspichiamo che i responsabili dell’omicidio possano essere fermati quanto prima e che paghino con una pena esemplare il male che hanno fatto ad un servitore dello Stato e alla sua famiglia”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa