Comuni

L’ex fidanzato di Alessandra Madonna condannato a 8 anni e 2 mesi di reclusione, i giudici: “Fu omicidio preterintenzionale”

Borrelli e Simioli: “La decisione in appello rende giustizia alla memoria della ragazza dopo la condanna inferiore in primo grado”

 

Napoli, 15 Luglio – “Apprendiamo della condanna a otto anni e due mesi per omicidio preterintenzionale inflitta dalla Corte d’assise d’appello di Napoli all’ex fidanzato di Alessandra Madonna, uccisa due anni fa dopo essere stata trascinata dall’automobile del giovane. La decisione in appello rende giustizia alla memoria della ragazza con l’ascrizione del reato di omicidio preterintenzionale dopo la condanna in primo grado per omicidio stradale anche se ci saremmo aspettati una pena maggiore”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Nei mesi passati – proseguono Borrelli e Simioli – ci siamo schierati a fianco della famiglia di Alessandra, unendoci alla loro richiesta di giustizia. Con loro abbiamo organizzato iniziative per abbattere il muro di silenzio che era calato sulla vicenda. Purtroppo la condanna dell’ex fidanzato non servirà a restituire Alessandra all’affetto dei suoi cari ma serve a fare giustizia in una vicenda dai contorni particolarmente tragici”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa