Attualita'

Lavoro, Siglato a Roma l’avvio del processo di reindustrializzazione e ricollocazione dei 250 dipendenti Jabil in esubero

Napoli, 26 Giugno – Oggi 26 giugno presso il Ministero dello Sviluppo Economico è continuato il confronto sulla vertenza Jabil Italia, sito di Marcianise. L’azienda ha in forza 800 dipendenti, di cui 250 risultano in esubero.
“Dopo vari incontri, oggi, alla presenza del Ministro Luigi di Maio, di 4 realtà aziendali campane, di Confindustria Caserta, delle OO. SS. nazionali e provinciali, nonché della RSU del sito Jabil di Marcianise e della Regione Campania, abbiamo sottoscritto un’intesa che punta ad un processo di reindustrializzazione e riallocazione del personale in esubero”. Dichiara l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri.
Le aziende che assumono i lavoratori in esubero sulla base dell’accordo siglato si impegnano dunque a non licenziare.
Il Ministero del Lavoro si impegna a verificare la copertura del ricorso agli ammortizzatori nell’anno in corso, per sostenere i lavoratori durante l’attuazione del piano industriale.
La Regione Campania verificherà l’applicabilità di misure di politica attiva coerenti con i processi messi in campo.
“Quando la difesa dell’occupazione ed il rilancio delle produzioni sono argomenti prioritari ed imprescindibili per tutti gli attori presenti al tavolo, il risultato diventa tangibile.” Conclude l’assessore Palmeri.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.