Politica

La Campania tra roghi e incendi, Lopa (MNS): “Ci domandiamo dove è finito il piano Antincendio Boschivo regionale?”

Napoli, 19 Giugno – La Campania, nella giornata di oggi, è stata la regione più colpita dalle fiamme. Le province più colpite dalle fiamme sono state Napoli e Salerno. Anche quest’anno la Campania ed in particolare la nostra provincia e, principalmente: le aree collinari di Napoli, Vesuviana, Flegrea ed in particolare la Conca di Agnano, sono martoriate dagli incendi boschivi, il cui fenomeno appare in prima analisi certamente complesso in relazione alle possibili cause e motivazioni. Ormai è da anni che assistiamo alla completa inefficienza degli enti preposti nello svolgere con un minimo di dignità, tale delicatissimo compito delegato.

Il tutto in barba anche alle sollecitazioni inoltrate a suo tempo, e con notevole sperpero di milioni di euro a carico di tutta la collettività che si aspetta servizi efficienti. Siamo fortemente preoccupati  per i numerosi incendi accaduti sul territorio dell’intera regione che, oltre a mettere a repentaglio anche le vite umane, stanno danneggiando in modo irreparabile le produzioni agricole, ma che vedono anche l’intervento doloso dell’uomo. A fronte di tutto questo, ci domandiamo anche, dove è finito il piano Antincendio Boschivo regionale?


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa