Politica

Incendi, A. Cesaro (FI):”Solo dopo catastrofe De Luca firma convenzione con Vigili del Fuoco”

Napoli, 13 Luglio – “Doveva bruciare l’intero Parco del Vesuvio perché il Presidente Vincenzo De Luca si ricordasse di firmare la Convenzione con i Vigili del Fuoco, dopo aver più volte, irresponsabilmente, declinato l’invito”. Lo afferma il Presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, Armando Cesaro, apprendendo della delibera di giunta n. 452 del 13/07/2017 con cui si approva la Convenzione con i Vigili del Fuoco.

“Adesso priorità assoluta e massimo impegno di tutti e a tutti i livelli sugli interventi necessari a domare le fiamme che stanno devastando la Campania, nelle more di poter fare la conta dei danni – aggiunge Cesaro -, ma, visto che gli incendi si prevengono, non possiamo non tornare a denunciare i gravi ritardi e le responsabilità politiche del governo regionale di De Luca che, come già sottolineato nella nostra interrogazione, non ha ancora approvato il nuovo Piano Antincendi boschivi”.

“La corsa ai ripari di queste ultime ore, segnata, come ha giustamente sottolineato Legambiente, da ordinanze confuse e a futura memoria, è chiaramente tardiva e non sposta il giudizio unanime sull’insufficienza e l’inefficienza di una giunta regionale che tira a campare tra slogan improbabili e promesse mancate sulla pelle dei cittadini”.

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa