Politica

Grande Centro, D’Anna (ALA):”Operazione nostalgia. Veto su di me? Non ho passione per la politica dei due forni”

Roma, 1 Agosto –  “Lo chiamano ‘grande centro’. E grandi manovre sarebbero in corso per ricostruire questa specie di luogo metafisico che dovrebbe accogliere i fantomatici moderati, ovvero quelli che pure quando non hanno un’idea precisa gestiscono finanche il vuoto con grande circospezione”.
 
Lo dichiara il senatore del gruppo Alleanza LiberalPopolare Autonomie-Scelta Civica (Ala-Sc), Vincenzo D’Anna, che poi così prosegue: “pare che all’ex ministro Lupi sia stato affidato il compito di selezionare, tra i disponibili, coloro che son degni di tale annessione alla brigata degli ‘Esterni’ da contrapporre a quella degli ‘Eterni’.
 
Sembra inoltre che lo stesso Lupi, artefice dell’operazione nostalgia, abbia espresso veti su alcuni senatori di Ala, me compreso, per l’attacco sferrato alla Lorenzin, nei giorni scorsi, sulla questione vaccini”.
“Che Lupi sia diventato il metro etico di qualcuno ci può anche stare in questa politica ferragostana. Per quanto mi riguarda ritengo il veto un onore. Forse perché non ho passione per la politica dei due forni né per gli orologi di lusso” conclude D’Anna.

Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa