Comuni

Gragnano, di nuovo spari e sangue: ucciso un 41enne vicino la propria abitazione

Gragnano, 26 Giugno – Ancora spari e sangue a Gragnano. Come raccontato da Stabianews, durante la serata del 25 giugno, un 41enne, Matteo Iorio è stato ucciso a colpi di fucile a Aurano, parte alta di Gragnano.

Secondo le prime ricostruzioni Iorio sarebbe stato trafitto dai proiettili, esplosi con probabilità dalla boscaglia, nelle vicinanze della sua abitazione.

Inoltre risulterebbe che l’uomo sarebbe imparentato con una delle prime vittime della guerra di camorra degli anni novanta tra i D’Alessandro e gli Imparato, di cui faceva parte.

“Gli inquirenti dovranno far luce su questa vicenda ma è chiaro che Gragnano sembrerebbe diventata l’epicedio di una nuova ondata di violenza e criminalità, a quanto pare, probabilmente, legata alla camorra.  Non si può lasciare che la criminalità prenda il sopravvento e si impossessi della città spargendo sangue e violenza per le strade, lo Stato deve far sentire forte la sua presenza, occorre che legalità, sicurezza e vivere civile vengano ripristinati. Chiediamo controlli a tappeto, indagini, condanne severe e presenza fissa delle forze dell’ordine sul territorio per mettere fine a questo fenomeno criminale.”– sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa