Comunicati

Giornata Internazionale dell’Alimentazione, CNDU:”Una corretta alimentazione importante non solo per la salute ma anche per un’efficace consumo ecosostenibile delle risorse ambientali e per una redistribuzione del cibo più responsabile e solidale”

loading...

Napoli, 14 Ottobre – Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani in occasione della Giornata internazionale dell’alimentazione 2019 (16 ottobre), proposta dai paesi membri della FAO durante la 20° Conferenza Generale dell’Organizzazione nel novembre 1979 per ricordare la data inerente alla fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite a favore dell’alimentazione e dell’agricoltura, comunemente conosciuta come FAO, istituita a Québec (Canada) il 16 ottobre 1945, intende sottolineare l’importanza di una corretta  alimentazione ai fini non solo del benessere della persona, ma anche per un’efficace consumo ecosostenibile delle risorse ambientali e per una redistribuzione del cibo più responsabile e solidale.

È risaputo che gli sprechi alimentari in Occidente siano abissali: tonnellate di alimenti vengono sprecati quotidianamente nelle mense, nei ristoranti, nei supermercati; tale problema riguarda anche la scuola: “l’indagine Reduce del 2019 ha calcolato un avanzo medio di 90 grammi nel piatto di ogni studente, e di 27 grammi di cibo intatto, abbandonato nelle mense per ogni pasto”.

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani ritiene fondamentale avviare programmi di sensibilizzazione tra gli studenti, utilizzando anche le piattaforme digitali creando applicazioni per l’uso consapevole degli alimenti ondo scongiurare sovrappeso e spreco.

Il tema promosso dalla FAO quest’anno è “Un’alimentazione sana per un mondo #famezero”, avviando delle campagne opportune negli istituti di ogni ordine e grado, mediante concorsi, contributi di medici / nutrizionisti, produzione di elaborati originali degli studenti, confidiamo di poter contribuire ad un ridimensionamento del fenomeno rilevato. Il lancio dell’hashtag  #sprecozero potrebbe partire dai social network delle singole scuole, e, con la supervisione dei docenti, si potrebbe realizzare una rete virtuale dove confrontarsi tra giovani per proporre soluzioni e “comportamenti virtuosi” adottati.   

“Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo.” (Ippocrate di Coo)

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.