Cultura

Femmena ‘e Nola

Napoli, 9 Marzo – Il nostro viaggio musicale nella “canzone napoletana” fa ritorno nella Città dei Gigli, con la canzone Femmena ‘e Nola, scritta da Francesco Pennino (Napoli 1880 – New York 1952). Ormai pare certo che le donne di questa cittadina erano belle, tanto da meritare non una ma più canzoni, veri e propri inni alla loro avvenenza.

 

La bellezza diventa arte da cantare nei Cafè Chantant, e gli spettatori in doppiopetto, baffi e cappello, immaginano le fattezze di questa donna mentre, con un sorriso compiaciuto, rendono omaggio alla sciantosa di turno: Nina De Charny (al secolo Giovanna Cardini – Napoli 19/04/1889 – Emigrata in Sud America). La canzone venne lanciata negli Stati Uniti su dischi 78 giri, incisa dalla De Charny a New York il 1° marzo 1918, accompagnata dalla King’s orchestra diretta da Nathaniel Shilkret. La canzone racconta della bella Rosa, emigrata oltre oceano… bella figliola che nasciste a Nola / e ‘mpazzi’ ‘a ggente ‘America facite, che conquistò il cuore di un giovane napoletano, anche lui emigrante… I’ so’ napulitano /  d”o mare ‘e Margellina, / ma ‘o core mio è Rusina, / cchiù ‘e Napule è pe’ mme! Il loro primo incontro avvenne mentre lui era militare… Jette surdato ‘a Nola e ve vedette, / stiveve ‘mmiez”a piazza ‘o juorno ‘e festa; / parlanneve d’ammore ve dicette: / “…i’ torno n’ata vota e nce resto!”. In America, lei fu tradita dal fidanzato, Salvatore, e per il giovane innamorato si aprirono le porte del cuore… M’è stato ditto ca Tore ‘e Nicola, / ‘o paisano vuosto v’ha traduto, / nuje rispettammo ‘o stesso ‘e Giglie ‘e Nola / ca ‘nterr’ America tutto nun è fernuto!… E come le più belle storie d’amore… Me scurdarraggio ‘e Napule, / d”o mare ‘e Margellina, / sposanneme a Rusina, / cchiù ‘e Napule è pe’ mme!

 

Piccola nota a margine: Francesco Pennino accompagnò Enrico Caruso come pianista a New York. A Brooklyn, fondò una casa editrice musicale che metteva sotto contratto discografico la quasi totalità dei cantanti italiani che si esibivano nei teatri americani. Una delle figlie, Italia, coniugata Coppola, oltre che importante attrice di prosa, era madre del famoso regista Francis Ford Coppola. Un tributo al nonno Francesco, il famoso regista volle darlo inserendo alcune sue canzoni fra le musiche della famosa saga cinematografica “Il Padrino”.

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa