Cultura

Didattica a distanza, la parola ai dirigenti: diretta FB dell’Osservatorio Italiano Studio e Monitoraggio

Napoli, 25 Maggio – Didattica a distanza: la parola ai Dirigenti  con un evento che di terrà giovedì 28 Maggio in diretta dalla pagina Facebook  e dal canale YouTube dell’ Osservatorio Italiano Studio  e Monitoraggio dove interverranno Cinthia Buonopane, Dirigente tecnico USR Campania, Tiziana ANNA Palmieri, IC De Amicis Tremestieri Etneo (Catania), Claudio Naddeo, Dirigente scolastico. IIS Trani – Moscati (Salerno), Avv.Leonardo Iovino, docente di sostegno, ISIS Paolo Colosimo di Napoli, Maria Anna Rosaria Malandrino, insegnate, Istituto Comprensivo Bellizzi (Salerno). A presiede il tavolo, sarà la dott.ssa Rosaria Ferrara Presidente OISMA.

La misura, straordinaria ma necessaria, della sospensione delle lezioni in presenza in tutte le scuole italiane a causa del Covid19, ha creato una situazione senza precedenti, che ha catapultato all’improvviso insegnanti ed alunni nel mondo della didattica a distanza.

Abbiamo intervistato grandi professionisti del mondo della scuola a partire dalla dott.ssa Cinthia Buonopane, Dirigente Tecnico dell’ufficio Scolastico della Campania.

Dottoressa, cosa sta emergendo all’interno della comunità scolastica con la didattica a distanza?

“Come accade spesso in circostanze straordinarie, la gamma delle concrete attuazioni della didattica a distanza ha fatto sicuramente registrare prassi eccellenti, ma anche contesti di estremo riduzionismo ad approcci marcatamente nozionistici e quindi del tutto inadeguati alla situazione in atto. Dare la parola ai dirigenti scolastici, cui è stato affidato il difficile compito di organizzare questi percorsi del tutto inesplorati, è sicuramente importante per un’indispensabile operazione di elaborazione che possa farne cogliere le reali opportunità, ma anche farne emergere i limiti, soprattutto in vista della ripresa delle lezioni a settembre”.

Chiediamo al Dirigente Scolastico dell’ IIS Trani di Moscati, Claudio Naddeo  quali conseguenze comporta essere oggi insegnanti e alunni nell’Italia della didattica a distanza?

“L’emergenza Covid ha messo la scuola di fronte ad una situazione di emergenza a cui si è cercato di far fronte con modalità più o meno efficaci. Tante criticità sono emerse, legate non tanto al problema di come veicolare contenuti didattici ma di come recuperare la dimensione relazionale del processo di insegnamento apprendimento che resta un punto fondamentale del rapporto docente -discente. Questo credo sia il punto che richieda una riflessione molto attenta e diretta alla ricerca di soluzioni per cosi dire “creative” , soprattutto laddove si profili il rischio di un avvio scaglionato anche per il prossimo anno scolastico”.

 E quindi, per chi se lo stesse chiedendo, insegnanti, studenti e dirigenti non sono in vacanza. Così come non lo sono i tanti lavoratori oggi chiamati a reinventarsi per far fronte a un’emergenza i cui sviluppi sono difficili da prevedere e che ha un forte impatto psicologico sulla vita di tutti. Si naviga avista  cercando di fare del proprio meglio.

Dott.ssa Ferrara, da dove nasce la proposta di un tavolo tecnico che vede coinvolti l’OISMA di cui lei è presidente e l’associazione Edufor scuola ?

“Il tavolo tecnico proposto e fortemente voluto da EDUFOR SCUOLA e l’ OISMA, vuole essere un  altro momento di riflessione sulla didattica a distanza. Abbiamo ascoltato le famiglie, ma ora è necessario aprire un dialogo con i Dirigenti e Docenti, affinché la necessità e i bisogni educativi speciali dei ragazzi che seguiamo, possano essere sempre più ascoltati e possano convogliare in una didattica digitale sempre più inclusiva. L’ obiettivo che ci poniamo non è facile , innanzitutto perché partiamo da un momento di emergenza e poi perché la neurodiversita’ è  talmente ampia che merita sempre un ragionamento caso per caso. Proprio per questo la Task Force Edufor- Oisma coinvolge le famiglie, la Scuola tutta ed i professionisti della neurodiversità nel tentativo di dare voce a ciascun bambino, ragazzo dis – abile”.

“Siete i comandanti della nave, avete la responsabilità di garantire che la didattica a distanza venga realizzata, è un obbligo, il diritto all’istruzione deve essere rispettato. Abbiamo messo i fondi, sta a voi garantire il diritto all’istruzione. Mi fido ciecamente di voi di come porterete avanti il lavoro: tanti italiani guardano alla scuola con speranza, abbiamo il dovere di non deluderli. Questo momento lo supereremo e avremo una comunità educante ancora più unita; questa crisi va trasformata in opportunità”.Queste le parole rivolte ai dirigenti scolastici dalla Ministra dell’istruzione Azzolina nella sua diretta facebook a seguito dell’approvazione del Decreto Cura Italia approvato dal Consiglio dei Ministri. Dunque sui Dirigenti Scolastici cade il peso di una responsabilità grande. A loro la parola, non mancate all’appuntamento per conoscere i pro e i contro di un’imbarcazione che naviga  con il solo sforzo di Dirigenti e Docenti, che di sicuro non si sono tirati indietro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa