Politica

Decreto dignità, Rostan (Leu): “Emendamenti sul gioco d’azzardo, divieto sale a 500 metri da scuole, ospedali e bancomat”

Roma, 23 Luglio – Divieto di collocare apparecchi per il gioco d’azzardo lecito a meno di cinquecento metri da scuole, strutture residenziali o semi residenziali operanti nel settore sanitario o socio-assistenziale, luoghi di culto, caserme, centri di aggregazione giovanile e centri per anziani, e bancomat.

Lo prevede un emendamento al Decreto dignità, in discussione alla Camera dei deputati, presentato della deputata di Leu, Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali, e sottoscritto dai deputati di Liberi e Uguali. “Le misure previste sul gioco d’azzardo nel Decreto dignità – commenta la parlamentare – sono blande. Ci vuole un’azione più decisa su videolottery e slot machine, che mandano in rovina migliaia di persone. Con una serie di emendamenti, presentati all’articolo 9, tentiamo di rendere la norma più stringente, aumentando l’area di vigilanza su un tema a forte rischio sociale”.

Tra le altre proposte emendative della deputata Rostan: la definizione di una campagna di comunicazione televisiva volta a sensibilizzare i cittadini, con uno stanziamento di un milione di euro; la cancellazione del termine Ludopatia riferendosi invece alla patologia da gioco d’azzardo, e un limite giornaliero per l’apertura di sale che non superi le otto ore.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa