Politica

D’Anna (Ala-Sc): “Partito della Nazione l’errore di Renzi. Poteva essere il nuovo Macron”

loading...
Ha pensato solo al suo “brand” e ora il Pd è la copia peggiore della Dc dorotea
 
Roma, 7 Novembre –  “Propendo per Renzi perché è il meno peggio. Se l’alternativa sono i semianalfabeti di Grillo o i lepenisti come Salvini e Meloni allora devo per forza propendere per lui. Ma se dai moderati uscisse un nuovo nome che è meglio di quello di Renzi io sono pronto a sostenerlo”. Così Vincenzo D’Anna, senatore del gruppo ALA-SC (Alleanza LiberalPopolare Autonomie-Scelta Civica), nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano campano Cronache di Napoli.
 
“Del resto – prosegue il parlamentare – non sono iscritto al Pd e anche Renzi ha fatto i suoi errori”. Quali? Per caso il famoso “Partito della nazione” nel quale lei e Verdini credevate tanto? “Se dopo le Europee avesse lavorato seriamente a costituirlo – risponde D’Anna – oggi andremmo alle urne con una maxi-coalizione di liberali e riformatori di sinistra e lui sarebbe il nuovo Macron. Ma si è voluto tenere il brand personale e ora, tra chi se ne è andato e chi se ne andrà, polemiche e guerre tra correnti, il Pd sembra la fotocopia peggiore della Dc Dorotea”. 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.