Politica

Coronavirus, Paolo Russo (FI): “Didattica a distanza sia garantita anche al Sud”

Napoli, 6 Aprile – “Al Sud 470mila ragazzi non hanno un computer e la ministra Azzolina pensa alla didattica a distanza senza porsi il problema che in tante famiglie non ci sono i mezzi per consentire ai propri figli di stare al passo. Si intervenga subito per non fare in modo che l’unica distanza possibile sia quella che aumenta ancor di più il divario tra Nord e Sud”: è quanto dichiara il deputato, Paolo Russo, responsabile nazionale del dipartimento Sud di Forza Italia.

“Non ci voleva l’Istat a fotografare una condizione di disagio che, in tempi di coronavirus, acuisce ancor di più il gap tra studenti che scontano il peccato originale  della  residenza. La cultura è un diritto per tutti non solo per le élites o per aree privilegiate del nostro Paese”, aggiunge il deputato.

“Prima di programmare le modalità dello svolgimento delle lezioni, il ministro dell’Istruzione trovi il modo per mettere tutti, da Nord a Sud, nelle condizioni di poter apprendere e studiare, altrimenti avrà fallito sia nella missione educativa che in quella di rappresentante di un governo che continua a lasciare indietro gli ultimi”, conclude Russo.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa