Comuni

Confapi, premiati quattro imprenditori napoletani

loading...

Gli attestati consegnati nel corso della cerimonia per i 70 anni della Confederazione

 

Napoli, 25 novembre  – «Confapi Napoli» protagonista, ieri, alla manifestazione per la celebrazione dei settant’anni di «Confapi» nazionale, a Roma.

Quattro imprenditori napoletani sono stati infatti premiati per l’impegno, la passione e la perseveranza nell’investire e nel credere in uno sviluppo sostenibile nei propri territori. Si tratta di Emilio Alfano (presidente di «Confapi Campania»), Antonella Giglio (vicepresidente «Confapi Napoli»), Raffaele Marrone (presidente «Giovani Confapi Napoli») e Angelo Bruscino (presidente nazionale «Giovani Confapi»).

La delegazione partenopea, guidata dal presidente «Confapi Napoli» Gianpiero Falco, era composta anche dai consiglieri Felice Russillo e Francesco Cacciapuoti, dalla vicepresidente del gruppo «Scuole paritarie Confapi Campania» Anna Sommella, e dal presidente «Gruppo Aniem Napoli», Ciro Cozzolino.

La storica sezione territoriale partenopea, nel 1947, partecipò alla costituente della «Confederazione della piccola e media industria».

 

 

La delegazione napoletana alla cerimonia per i 70 anni della Confapi.jpg

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.