Politica

Campania, Viglione (M5S):”Dissesto idrogeologico, la Campania alla testa delle regioni a rischio”

l consigliere regionale: “Dati Ispra allarmanti, ma da questa giunta nessuna misura a tutela dei cittadini”

Napoli, 24 Luglio – “Una preoccupante conferma quella che arriva dai dati Ispra sull’aggiornamento del Rapporto Dissesto Idrogeologico in Italia. In uno scenario nazionale che in Italia vede il 91% dei Comuni a rischio, con oltre 3 milioni di nuclei familiari risiedenti nelle aree ad alta vulnerabilità, la Campania purtroppo finisce in cima alla graduatoria delle regioni con più edifici a rischio e una percentuali di comuni interessata dal pericolo dissesto compresa tra il 90% e il 100%.

Indici che devono indurre una volta e per tutte la Giunta De Luca e la propria maggioranza a un cambio di passo sostanziale rispetto alle sciagurate proposte di cementificazione del territorio avanzate fino ad oggi”. E’ quanto denuncia il consigliere regionale e segretario della Commissione regionale Ambiente Vincenzo Viglione.

“Il delicato tema del rischio idrogeologico – sottolinea Viglione – va trattato superando i soliti provvedimenti spot e figli dell’emergenza messi in campo fino ad oggi, puntando a una programmazione seria e generale capace di assicurare tutte le misure necessarie alla mitigazione del rischio e un’efficace tutela delle incolumità dei nostri concittadini”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa