Politica

Campania, Viglione (M5S):”La camorra ha fallito, ora ci prova lo Stato a chiudere la Cleprin”

loading...

Il consigliere regionale: “L’azienda risorta sfidando i clan per salvare 35 posti di lavoro”

 

Napoli, 15 Marzo – “La camorra ha cercato a distruggerla, il Comune di Carinola prova ora ad assestarle il colpo di grazia. E’ paradossale la storia della Cleprin, risorta dopo un raid incendiario ordinato dai clan, oggi a rischio demolizione per una vicenda di violazioni urbanistiche. Si rischia di cancellare un’impresa che dà lavoro a 35 famiglie e che rappresenta un luogo di rinascita nella guerra dello Stato contro la criminalità organizzata”. Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e segretario della Commissione anticamorra Vincenzo Viglione.

“Il paradosso è incentrato sul fatto che i due proprietari della Cleprin, dopo aver espletato tutte le formalità per presentare una richiesta di condono, in luogo di una sanatoria da parte del Comune, hanno ricevuto un’ordinanza di demolizione e chiusura attività. E’ assurdo che in un territorio dove si combatte quotidianamente la camorra, lo Stato piuttosto che essere al fianco di chi ha avuto il coraggio di affrontare a testa alta clan i al solo scopo di far ripartire un’azienda che dà lavoro a 35 persone, si attiva per accelerare le procedure per il suo fallimento”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.