Politica

Campania – Rifiuti, Romano.”Restano fatti preoccupanti, adesso aumentano i costi”

Per smaltimento troppi i 170 euro a tonnellata. Basta silenzi.

 

Napoli, 28 Marzo – “Basta silenzi sul fallimento rifiuti. Serve un bagno di umiltà e servono nuove soluzioni.

Le misure messe in campo sono inefficaci. Sulla rimozione dei rifiuti imballati solo spot e pochi fatti. Le preoccupazioni aumentano perché aumentano i costi per lo smaltimento”.

Cosi in una nota Giovanni Romano,ex assessore della Giunta regionale che oggi segue le iniziative sull’ambiente per il gruppo consiliare ‘Caldoro Presidente’.

 “Infatti  – ricorda Romano – l’ultimo bando (pubblicato il 23 marzo) porta il prezzo dello smaltimento a 170 euro a tonnellata. A parità di condizioni, non si spiega questo aumento che espone la Regione alle possibili riserve delle ditte aggiudicatarie del precedente bando e ad un successivo e costoso contenzioso”.

 “Troppe le incongruenze e le stranezze delle operazioni in corso che necessitano di chiarimenti e di interventi correttivi immediati. Senza contare che, ad aggravare la già preoccupante situazione, interverrà a breve la vicenda della FIBE che ha chiesto danni al Governo per ‘due miliardi e mezzo’  di euro.

Un ulteriore onere che finirà per gravare sulla Regione e sui cittadini. Non è più tempo di propaganda e di arrogante demagogia” conclude Romano.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa