Politica

Campania, M5S: Lunedì presidio a Napoli e Salerno per chiedere la cacciata dei De Luca

loading...

Flash mob alle 12, tutti gli smartphone trasmetteranno video di Fanpage.it

 

Napoli, 17 Febbraio – Lunedì 19 febbraio, alle ore 12, il Movimento 5 Stelle darà vita ad un presidio in strada per invocare la cacciata della dinasty dei De Luca dalle istituzioni. Parlamentari, candidati, portavoce e attivisti daranno vita, nelle stesse ore, a due presidi. L’uno, nei pressi di Palazzo Santa Lucia a Napoli, sede della Regione Campania, per chiedere le dimissioni del governatore Vincenzo De Luca.

L’altro, davanti alla sede del Comune di Salerno, dove verranno invocate le dimissioni di Roberto De Luca, assessore al Bilancio, indagato per corruzione. A mezzogiorno in punto, esponenti M5S in tutto il paese e tutti i cittadini che vorranno aderire all’iniziativa, si collegheranno dai loro smartphone con il sito Fanpage.it per visionare il video che ha per protagonista De Luca jr, uno dei servizi di una più ampia inchiesta della testata web grazie alla quale è scaturita l’ultima indagine della Procura di Napoli che ha fatto luce su un potenziale giro di appalti pilotati e su un sistema di tangenti e traffico di rifiuti, con la connivenza di clan della camorra e la complicità di politici.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a re[email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.