Politica

Campania, Confapi jr: “No a mozzarella dop pugliese”

Il presidente delle pmi Marrone: «Politica difenda agroalimentare»

 

Napoli, 18 Settembre – «Non esiste alcun derby della mozzarella dop tra Puglia e Campania perché, semplicemente, non esiste una mozzarella dop pugliese».

A dirlo è Raffaele Marrone, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«Stiamo assistendo, in questi giorni, al tentativo di assaltare la diligenza dell’agroalimentare campano – aggiunge – uno dei fiori all’occhiello della nostra economia. E, cosa ancor più preoccupante, pochi si stanno rendendo conto del contraccolpo che ne deriverebbe».

 

«La tradizione casearia pugliese, che rivendica il marchio dop per la mozzarella vaccina, stravolgendo così il disciplinare campano che è solo ed esclusivamente per il latte di bufala – prosegue Marrone – certamente fa bene a chiedere il riconoscimento delle proprie produzioni, ma questo non può avvenire in danno della Campania».

 

«Il governatore De Luca e tutte le forze politiche che, a vario titolo, si stanno interessando al caso hanno tutto l’appoggio del mondo delle piccole e medie imprese di Napoli e provincia – conclude il presidente Confapi jr –. Abbiamo attraversato e superato gli anni terribili della Terra dei fuochi, non possiamo permetterci altri elementi di destabilizzazione della nostra economia agroalimentare».


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa