Politica

Campania, Confapi jr: bene aree di crisi, ora più hi-tech

loading...

Il presidente Marrone: investire su logistiche, trasporti e tecnologia

 

Napoli, 27 Settembre – «Finalmente una buona notizia: la definizione delle aree di crisi industriale complessa da parte della Regione Campania».

A dirlo è Raffaele Marrone, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«Quando il mercato non riesce a guarire da solo e soffre di una congiuntura negativa che riguarda l’intera Europa – aggiunge Marrone – è giusto che intervengano gli strumenti dello Stato per iniettare non solo risorse ma soprattutto fiducia negli operatori economici».

 

«La Regione Campania, d’intesa col Governo, ha intrapreso azioni concrete e positive per aiutare le imprese a superare momenti di criticità – prosegue – ma è chiaro che l’obiettivo è riuscire a fortificare, dal punto di vista imprenditoriale, queste aree di crisi».

«La richiesta è quella di sempre – conclude Marrone –: non bastano le defiscalizzazioni e i contributi per le nuove assunzioni, ma bisogna creare le condizioni infrastrutturali per rendere attrattivo il Sud Italia e la Campania in particolare. Migliorando, anzitutto, il sistema della logistica e dei trasporti e guardando, con maggiore convinzione, all’hi-tech».

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.