Politica

Campania, Ambiente. A. Cesaro (FI):”De Luca chiarisca sua posizione su attività estrattiva nel Parco Dea Diana,presento interrogazione”

Napoli, 11 Settembre – “Perché dopo aver sostenuto al Tar Campania le ragioni dei sindaci del Parco urbano intercomunale Dea Diana contro l’attività estrattiva al suo interno il governo regionale non li ha affiancati adesso al Consiglio di Stato?”. Lo chiede il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro rinviando alla vicenda del contenzioso relativo alla concessione dell’autorizzazione alle attività estrattive nel territorio del comune di Durazzano (Bn) all’interno del Parco Urbano intercomunale di interesse Reginale Dea Diana.

“E’ evidente, come giustamente sostiene il nostro commissario provinciale Domenico Mauro insieme con tutto il nostro coordinamento sannita, – sottolinea Cesaro – che la salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini è prioritaria e che non è concepibile autorizzare attività estrattive all’interno di un Parco di interesse regionale”.

“Per questo, soprattutto in virtù delle procedure autorizzative avviate dal Genio Civile, ho presentato un’interrogazione urgente al governatore perché ci dica se revoca o meno la delibera di concessione e faccia immediatamente chiarezza”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa