Politica

Campania, A. Cesaro (FI):”Solidarietà lavoratori Soteco. Male De Luca, altro che pagamenti a 30 giorni”

Napoli, 13 Dicembre – “Altro che pagamenti a 30 giorni millantati dal governatore De Luca: in Campania ci sono lavoratori come quelli della Soteco, oggi protagonisti a Gragnano e Sarno di una durissima quanto legittima e disperata protesta, che aspettano gli stipendi da oltre 5 mesi. Una vergogna”. Lo afferma il presidente del gruppo regionale campano di Forza Italia, Armando Cesaro, commentando la manifestazione di protesta dei lavoratori della Soteco che oggi a Gragnano e a Sarno hanno minacciato di lanciarsi giù dal tetto della sede aziendale.

“Massima e piena solidarietà a questi lavoratori, così come a quelli delle altre numerose società impegnate nel settore dei servizi di gestione e manutenzione del sistema idrico campano, che attendono gli stipendi da mesi e mesi”, aggiunge Cesaro, per il quale “questa vicenda, particolarmente dolorosa nel periodo natalizio e che fa il paio con le tantissime e drammatiche vertenze che caratterizzano una vera e propria emergenza nella nostra regione, vede questi lavoratori vittime predestinate dei gravi ritardi di una macchina regionale che si contrabbanda per sburocratizzata ed efficiente ma che nei fatti si rivela puntualmente inadeguata e inefficiente”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa