Politica

Campania, A. Cesaro (FI):”Ultimi per occupazione, e i duecentomila posto promessi da De Luca?”

Napoli, 14 Settembre – “Contrariamente a quanto promesso da De Luca l’occupazione in Campania continua a diminuire. Le ultime statistiche del Regional Yearbook 2017 mettono in luce i fallimenti di chi ha fatto campagna elettorale promettendo migliaia di posti di lavoro in pochi mesi. A fronte dei 200.000 nuovi posti di lavoro vagheggiati da De Luca emerge un dato decisamente preoccupante che pone la nostra regione agli ultimi posti in Europa.

Nel 2015 il dato dell’occupazione si attestava al 42,5 per cento. Ad oggi quel dato è sceso al 41,2, perdendo un punto e mezzo percentuale a fronte di una media italiana del 57,2. Il tasso di disoccupazione, che nel 2015 si attestava su 19,4 % è salito, con le ultime rilevazioni di febbraio 2017, al 20,4%”. Lo afferma il Presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, Armando Cesaro, che aggiunge: “Questi dati spaventosi sono per tutti un monito a rimboccarsi le maniche e a lavorare per migliorare le condizioni dei nostri lavoratori”. “Per tutti ma non per il presidente De Luca che, forte del suo slogan “Mai più ultimi”, sta riuscendo nella poco invidiabile impresa di trascinare la Campania agli ultimi posti in Europa”, conclude il Capogruppo regionale campano di Forza Italia.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.