Comuni

Caivano, ennesimo disastro ambientale in Campania: in fiamme una fabbrica di plastica

Caivano, 25 Luglio – La Campania non smette di bruciare. Dopo il disastro ambientale di San Vitaliano, con la nube tossica della ditta Ambiente, prende fuoco una fabbrica di plastica e carta in località Pascarola a Caivano. “Mentre sono a Roma – scrive la parlamentare del M5S di Frattamaggiore Conny Giordano, comune vicino a Caivano – mi arrivano foto della mia terra. Di nuovo un rogo, di nuovo inquinamento, di nuovo morte. Questa è una foto scattata dal balcone di casa mia, una nube nera spaventosa avanza sempre di più spargendo veleno su tutta la periferia napoletana. Immagino le porte di casa che si chiudono e la disperazione della mia famiglia, della mia gente”. La parlamentare ha postato sui social una foto di una colonna di fumo nero nel cielo di Caivano, comune dell’area nord di Napoli.

 “Il rogo pare essere partito da una fabbrica di plastica e carta in località Pascarola a Caivano. Ho allertato personalmente il Ministero dell’Ambiente e sono certa che il ministro Sergio Costa e il sottosegretario Salvatore Micillo, lavoreranno alacremente per comprendere dinamica e responsabilità di questo ennesimo disastro ambientale a danno della nostra terra. Non è giusto”. Conclude amareggiata la parlamentare del Movimento 5 Stelle.

 

 

 

 

 

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.