Politica

BAGGIANATE!

loading...

Napoli, 5 Dicembre – Ci si potrebbe, a ragion veduta, domandare perché io stia sempre con il cellulare in mano: convengo sul fatto che i dispositivi elettronici creino dipendenza (talvolta anche di natura patologica, ohimè), ma v’è da aggiungere che al giorno d’oggi è impossibile non servirsene, dato che trattasi di strumenti di lavoro, dunque lo utilizzo – tra le tante cose – anche per adempiere ai miei doveri di forense e divulgatore.

A ciò si aggiunga che, oramai, anche la maggior parte dei quotidiani è leggibile in rete, pertanto anche il sottoscritto – pur preferendo le versioni cartacee – si aggiorna, per forza di cose, mediante semplici click: questa è un’altra ragione che mi spinge a non staccarmi dallo smartphone, specie mentre attendo pazientemente – e talvolta all’impiedi – il treno.

L’ignoranza delle notizie e della storia, cari Lettori, è un errore madornale che va assolutamente evitato: se non ci si aggiorna – e questo credo di averlo ribadito a più riprese in altri lavori -, si finisce con il tramutarsi in pecoroni, la qual cosa implica, ça va sans dire, il dare ascolto a falsi pastori intenzionati a servirsi del Popolo per le loro sporche propagande o per accrescere il loro prestigio.

Con tale metafora intendo sottolineare che il DPCM da ultimo varato – che vigerà sino al 15 gennaio dell’anno venturo (sic!) -, oltre a non essere chiaro ai Cittadini con conoscenze giuridiche non approfondite, è stracolmo di baggianate colossali, ossia di disposizioni che certamente non sono d’aiuto ai fini del tanto auspicato contenimento del contagio: si pensi, in via esemplificativa e non esaustiva, al divieto di accedere ad un altro Comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno ed alla conferma della divisione dell’Italia in “fette”, come una torta.

Il rischio di contagio, com’è ovvio, non è affatto da sottovalutare, ma non va trascurato che non tutti i Comuni hanno le medesime superfici: come ha osservato il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini – che ringrazio -, chi vive nei piccoli centri (ma non solo, c’è da aggiungere) va incontro a serie difficoltà, giacché non potrà ricongiungersi a parenti – specie se anziani – che risiedono in un’area comunale limitrofa.

Altro problema, poi, è che il numero dei Comuni presenti in Italia è vergognosamente alto: dò per scontato che ciascun Lettore sia a conoscenza che sull’Isola d’Ischia vi sono ben sei territori comunali (Ischia, Casamicciola, Forio, Lacco Ameno, Serrara Fontana e Barano); ma anche in Maremma Toscana – come in tanti altri luoghi – v’è una situazione simile.

Va precisato, non da ultimo, che anche la scelta del ventuno dicembre come ultimo giorno utile per gli spostamenti interregionali è un’assurdità: ben può capitare, infatti, che taluno non riesca a liberarsi dagli impegni lavorativi prima del venticinque, la qual cosa non gli consentirebbe, ad esempio, di recarsi dai familiari servendosi del primo treno in partenza in quel giorno.  

Una linea del genere, ancorché “dura”, non è affatto utile ad evitare tutto ciò che potrebbe favorire la diffusione del Covid-19, né tantomeno serve a non far ricapitare quanto, ohi noi, è accaduto dopo Ferragosto.

Per citare il grande Andrea Camilleri, il contenuto del DPCM in commento – oltre a contrastare con diversi princìpi costituzionali – non è altro che “un’atroce minchiata“!

Sbagliare può succedere, d’accordo: anch’io commetto qualche ingenuità, anche se non sempre me ne rendo conto; ma l’importante è non accorgersene troppo tardi, dunque mi sento in dovere di esortare il Presidente del Consiglio ed il Governo tutto a rivedere le decisioni assunte, o per lo meno a derogare ad alcune disposizioni.

Vogliamo il caos? Non so Voi, ma io decisamente no!

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.