Comuni

Avella, grande concerto di fine anno al Teatro Biancardi

DI SCENA LA TRADIZIONE POPOLARE CAMPANA CON LUCA ROSSI E MARCELLO COLASURDO PER SCRIVERE UNA PAGINA IMPORTANTE DELLA TRADIZIONE DELLA TAMMURRIATA

 

Avella, 28 DicembreGran finale per l’ottava edizione di “Pane Ammore e Tarantella”: lunedì 30 dicembre in programma uno spettacolare concerto di fine anno ad Avella (Avellino). Sul palco del Teatro Biancardi, alle ore 20,30, salirà Luca Rossi, con ospite Marcello Colasurdo. Il concerto saluterà il vecchio anno e darà il benvenuto al nuovo, “co’ bene a ind’ e ‘o male ‘a for’”, con la direzione artistica di Roberto D’Agnese per Omast Eventi. Ad arricchire l’evento, stand con cacio gourmet al tartufo e nocciola al miele di castagno, caldarroste, vino e fuoco. Tutti sono invitati a contribuire al gran finale portando da casa la propria tammorra, per un concerto unico che scrive una pagina importante della tradizione della tammurriata.

Il concerto chiude l’ottava edizione di Pane Ammore e Tarantella, che ha fatto registrare numeri importanti nello scorso novembre: tre palchi, oltre 150 artisti, street band d’eccezione, oltre 100 stand tra eccellenze della gastronomia e dell’artigianato, un palinsesto ricco di iniziative, spettacoli, momenti dedicati ai bambini, mostre e visite guidate al patrimonio storico e artistico di Avella. Ora è la volta di Luca Rossi e Marcello Colasurdo, due nomi della tradizione popolare campana che hanno dedicato la loro vita alla tammorra. Luca Rossi è autore e interprete per il teatro e la musica ed è considerato tra i più rappresentativi esponenti della tammorra. Ha effettuato collaborazioni, partecipazioni e registrazioni con molti esponenti della scena musicale popolare italiana e della musica etnica internazionale: Teresa de Sio, Marcello Colasurdo, Enzo Avitabile, Orchestra Popolare Campana e Eugenio Bennato, NCCP e Tullio de Piscopo, Benham Samani (Iran), Kelvin Sholar (Stati Uniti), Tambours du Mediterraneè (Francia- Tunisia) e con produzioni e compagnie di teatro danza e spettacoli televisivi.

Marcello Colasurdo, storico interprete della canzone tradizionale vesuviana, artista eclettico definito “La voce del Vesuvio”, impegnato come attore del cinema, ha lavorato con Federico Fellini, Salvatore Piscicelli, Antonietta De Lillo, Antonio Capuano, e come attore di Teatro con Mario Martone, Laura Angiulli e Giorgio Presburger. Interprete della canzone tradizionale campana e voce storica degli ’E Zezi, interpreti legati al mondo operaio quanto alla tradizione. Numerose le sue collaborazioni dal vivo o in studio con i rappresentanti della musica popolare italiana, dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare ai Modena City Ramblers, dagli Almamegretta ai 99 Posse, i Bisca, Daniele Sepe. Elemento fondamentale di “Spaccanapoli”, formazione musicale, accolta nella ‘ristretta’ cerchia dell’etichetta Real World di Peter Gabriel. Il suo repertorio parte dai canti rituali, quelli cosiddetti ‘a ffronna’, per raggiungere, attraverso miriadi di accenti e sonorità, alla tarantella contemporanea. Naturalmente, elemento fondamentale di ogni concerto di Colasurdo è il “canto sopra al tamburo”, italica quanto stentata traduzione della tammurriata.

Un concerto che si preannuncia di grande intensità, per dare il benvenuto al nuovo anno nel migliore dei modi, ovvero attraverso l’arte, la tradizione e il divertimento.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa