Politica

Articolo Uno – Mdp, due salernitane nel direttivo nazionale. On. Federico Conte: “Costruiamo forza politica dal basso, radicata sul territorio”

Il 3 agosto nuovo coordinatore provinciale di Salerno.

Napoli, 23 Luglio – “Cambiare radicalmente l’Europa, che diventi federalista e dei popoli, trasferendo al Parlamento le competenze in materia di investimenti, e attribuisca alla Bce la mission della crescita e non solo il contenimento dell’inflazione. Un nuovo pensiero della sinistra per un’Europa diversa, che metta al centro lotta alle disuguaglianze e alla disoccupazione, quindi al populismo”. Lo ha dichiarato ieri a Roma, Federico Conte, deputati di Liberi e uguali, nel suo intervento alla Conferenza nazionale di Articolo Uno – Mdp, che ha eletto all’unanimità Roberto Speranza coordinatore del partito.

Nel nuovo direttivo nazionale, anche due donne della provincia di Salerno: Maria Cammarano, giovane avvocato del Cilento, e Roberta D’Amico, di Pontecagnano Faiano. “Stiamo costruendo una forza politica dal basso – continua il deputato Conte -, radicata sul territorio, che parla ai problemi veri delle persone”.  Il prossimo 3 agosto, alle 18, presso la sede provinciale di Articolo Uno Mdp,  l’ultimo passaggio della tornata assembleare con la formazione del Coordinamento provinciale e la nomina del nuovo coordinatore.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa