Comuni

Acerra, torna la schiuma bianca dai tombini

Verdi: “E’ il momento di individuare di cosa si tratta e, soprattutto, da dove proviene. Abbiamo inviato una nota all’Arpac chiedendo di catalogarla in modo da avere un quadro più chiaro”

 

Acerra, 24 Agosto – “Ciclicamente si ripresenta il problema della schiuma bianca che fuoriesce dai tombini ad Acerra. Era successo tre anni fa ed è successo nei primi mesi del 2019. Ora è accaduto di nuovo, destando una giustificabile preoccupazione nella cittadinanza. E’ necessario un intervento dell’Arpac, che abbiamo già contattato, per catalogare la sostanza ed evincere eventuali rischi per la salute pubblica ma soprattutto occorre individuare da dove proviene il composto che, di tanto in tanto, schiuma dai tombini della città”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Purtroppo Acerra sta subendo diversi problemi sul piano ambientale in questi giorni. Oltre a questo strano e inquietante fenomeno proseguono i roghi tossici. Un susseguirsi di eventi negativi che rappresenta motivo di disagio, oltre che di preoccupazione, per l’intera cittadinanza. E’ arrivato il momento di fare chiarezza in maniera definitiva sulla natura e la provenienza della sostanza che genera questo fenomeno. L’esposizione di cittadini a rischi di carattere anche solo eventuale non è accettabile.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa