Cultura

‘A pacchianella d‘Uttajano

loading...

Napoli, 23 Marzo – La canzone ‘A pacchianella d‘Uttajano, scritta da Errico Capurro (Napoli  1881-1935), cugino del più famoso Giovanni, autore de “‘O sole mio!”, e musicata dal maestro Giuseppe Giannelli (Napoli 1864-1941), fu pubblicata nel 1904 dalla casa editrice musicale Calace, di proprietà del musicista Raffaele Calace, editore e costruttore di strumenti a corda molto apprezzati. Per Capurro, che fu prima comico da salotto e poi cantante-macchiettista, questa canzone fu il suo maggior successo come poeta, e fu lanciata dalla grande Luisella Viviani.

 

 Si racconta che il poeta scrisse il testo, sulla falsariga dei doppi sensi, ispirandosi  a un  fatto di cronaca realmente accaduto nella provincia napoletana… Vedite ca è succieso a Uttaiano neh, / ‘nu prevete ha vasato a ‘na figliola, / mentre le steva pe’ vasa’ la mano neh, / le steva a benneri’ cu lu curdone. / Ih che scannalo c”ha dato / lu paese arrevutato. La ragazza protagonista di quest’episodio, consapevole che difficilmente avrebbe trovato marito nel suo paese, decise di “cercare” in città cu stu tamburro ca m’aggio purtato, / pe’ tutta Napule vogli’ abballa’… e con l’arte della seduzione avrebbe sicuramente trovato un fidanzato in men che non si dica… Bene mio, mare e core / fà calore e ccà se more, / e si jette ‘nu suspiro, / ah, ah….. lloco te ‘nchiuove! La ragazza mise in gioco le sue doti migliori… A lu paese ‘nce teng”o ciardino, / chest’è la dote pe’ lu maretiello, / quanno me spusaraggio Aitaniello, / dint”o ciardino ‘o voglio fà sciala’… Purtroppo, come può capitare, le storie d’amore non vanno sempre a buon fine, e spesso ci si deve confrontare con un falso perbenismo… Mammeta m’ha chiammato schiavuttella neh, / ì’ nun ce songo certo pe’ natura, / si me ‘nce mengo rint”a funtanella neh, / cchiù ghianca ce addevento comm”a vuie… La canzone si chiude con un luogo comune, ancora oggi molto diffuso (!?)… Si ‘o tenesse nce ‘o mettesse / ‘o cavallo int”a rimessa, / e l’uommene ‘o juorno d’ogge mena mè, / sò tutte fesse!…

La canzone è stata interpretata da numerosi artisti napoletani, che sono intervenuti anche sul testo. Noi abbiamo utilizzato quello usato dalla N.C.C.P.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.