Sports

Volley – Lorena Coppola e Luvo Barattoli Arzano, insieme per la quarta stagione

Arzano, 4 Luglio – Prosegue il matrimonio sportivo fra la palleggiatrice Lorena Coppola e la Luvo Barattoli Arzano. Per la quarta stagione consecutiva l’atleta, classe 1989, torna a difendere i colori della società che l’ha cresciuta facendola diventare un’atleta.

“Dopo le giovanili –ricorda Lorena– culminate con una finale nazionale nella categoria Under 18, ho avuto esperienze con altre squadre, quasi tutte della regione Campania, prima di ritornare a casa”.

Dal suo ritorno nel giugno 2015, ha più volte cambiato anche tecnico. Questa volta sarà a disposizione di coach Emiliano Giandomenico, presentato dalla società poche ore fa: “Conosco lo spessore di questo importante allenatore –spiega Lorena Coppola– più volte ci siamo incontrati sul campo da gioco e sono curiosa di conoscere da vicino i suoi metodi di allenamento. Anche la prossima stagione, l’Arzano sarà chiamato a dare il massimo sul campo da gioco e su quello dove si svolgono le sedute di preparazione, per dare al pubblico le soddisfazioni che merita”.

Ieri Lorena Coppola e poi via via tutte le altre. Questo il progetto sportivo che il direttore tecnico Antonio Piscopo continua a portare avanti. “Vogliamo avvalerci anche del supporto di Emiliano Giandomenico –ha spiegato Piscopo– il suo fiuto per il settore giovanile ci porterà a lavorare con grande sintonia. Soprattutto per fare proseguire la crescita di quelle che giudicate pronte, saranno poi aggregate alla prima squadra”.

Un percorso lungo e pieno di soddisfazioni quello che conduce dalle giovanili alla prima squadra. Lo sa bene Lorena Coppola che sottolinea un aneddoto che la vide protagonista anni addietro “Ricordo sempre con tenerezza –racconta Lorena Coppola– quando coach Antonio Piscopo mi cambiò di ruolo. Da attaccante diventai un’ottima alzatrice. Grazie a questa intuizione è cambiata la mia carriera. Anche per questo sono contenta di giocare per il quarto anno di fila con la squadra del mio Arzano”.

 

 

Roberto Esse

 

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *