Comuni

Vergogna ad Arzano, discarica a cielo aperto all’interno del cortile di una scuola. Cumuli di rifiuti in più punti della città: invasa anche la celebre rotonda

Verdi: “L’aumento delle temperature rischia di provocare un’emergenza igienico-sanitaria. Abbiamo chiesto una bonifica urgente all’amministrazione comunale”

 

Napoli, 3 Giugno – “Lunedì mattina ho partecipato ad un’iniziativa sull’ambiente presso l’istituto comprensivo IC 2 De Filippo/Vico di Arzano, peccato che ho avuto modo di constatare che la sensibilità ecologista degli alunni, dei docenti e della dirigente scolastica, la Dott.ssa Patrizia Tirozzi, non sembra appartenere a tanti altri cittadini del comune a nord di Napoli. Ho avuto modo di constatare che gli incivili non si fanno scrupoli di sversare i rifiuti neanche nei luoghi frequentati dai loro figli. Nel cortile della scuola era presente una vera e propria discarica a cielo aperto con vecchi elettrodomestici, resti di solventi e addirittura una vasca da bagno. Un’immagine indegna che mostra l’assoluta mancanza di rispetto nei confronti dei ragazzi che vanno a scuola e del personale”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Il cortile della scuola non è l’unico luogo in condizioni critiche. I rifiuti invadono anche via Vittorio Emanuele III, a due passi dalla fermata dell’autobus. L’area, non troppo lontana dalla scuola, è parte del contesto urbano con le abitazioni a brevissima distanza. La piccola discarica ospita di tutto: dai materassi agli scarti dell’edilizia. Forse addirittura dell’amianto. La stessa “rotonda di Arzano” è di fatto soffocata dai rifiuti. L’aumento delle temperature rischia di determinare un’emergenza igienico sanitaria. Occorre intervenire al più presto per rimuovere i cumuli di spazzatura, liberando i residenti dalla puzza e dal rischio sanitario. Abbiamo inviato una segnalazione all’amministrazione comunale, invitandola ad intervenire con la massima urgenza”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print