Cultura

Venezia, un affascinante viaggio nella originale libreria “Acqua Alta” [VIDEO]

Venezia, 16 Agosto – Acqua Alta è una delle librerie più suggestive che ci siano da perlustrare: un angolo di sospensione dalla realtà in una città meravigliosa come Venezia. Si trova in Calle Lunga Santa Maria Formosa ed i veneziani la considerano tra le più stravaganti ed originali librerie in assoluto. Aperta tutti i giorni dalle 9,00 alle 20,00. È un’attrazione magica che prende e trattiene lo sguardo tra i libri sparsi ovunque. Libri in vendita, nuovi ed usati.

C’è scelta di tomi in tutte le lingue, dalle forme e contenuti più disparati. La libreria non è esente dalla presentazione di libri con gli stessi autori, che diventa uno spettacolo in tale spazio.

È una libreria curiosa e amabile, nel suo disordine ti trovi a tuo agio.

Strano a dirsi, sono i libri che scelgono il lettore.  Si gira per il luogo curiosando ovunque, afferrando il frontespizio che più colpisce. Viene una voglia matta di leggere tra le pagine ingiallite dal tempo, ci si tuffa assaporandone la freschezza e la bellezza che solo la scrittura sa dare. Non importa se c’è il gatto che sgattaiola tra le gambe e i bimbi, i ragazzi, i giovani e gli adulti che fanno versi di stupore per un “Topolino” di vecchia annata o per ciò che trovano di insolito tra i mucchi di libri stipati nelle gondole, nelle conche, nelle vasche, nelle canoe, negli oggetti più disparati e assurdi, che danno l’idea di galleggiare, proprio in caso di acqua alta a Venezia. In fondo alla zigzagante stanza ci si imbatte in una inconsueta scalinata, i gradini sono costruiti con vecchie enciclopedie e tomi andati a male per l’acqua alta, danno la visuale sul canale.

Lo sguardo si posa sui libri che ricoprono come quadri e tele le facciate delle corti esterne rendendole variopinte.

 Il libraio Luigi Frizzo, proprietario cordialissimo di origini vicentine, è un perfetto padrone di casa, gestisce la libreria con suo figlio Lino. La libreria è nata dalla passione che ha sempre avuto per i libri, ce ne parla la commessa Diana Zanda che con garbo risponde all’intervista.

Ha fatto i mestieri più disparati – afferma la signora Diana –  ma è anche un conoscitore di diverse lingue straniere. Ha cercato un locale per depositare i tanti libri accumulati durante i suoi lunghi viaggi, anni di fiere e mercatini e quando ha trovato questo magazzino, non si è lasciato scoraggiare dalla bassezza della struttura. Voleva creare qualcosa di più che fosse nella sua mente e l’ingegno accompagnati dalla forza e dalla creatività gli hanno dato ragione trasformando un magazzino in una libreria dalla caratteristica di ovviare il rischio inondazione. L’acqua entra e come se entra! Trova la porta aperta in fondo sul canale, dove è ormeggiata una gondola, attrazione per i turisti a immortalare una foto. E i libri sono salvi, proprio perché galleggianti negli adeguati contenitori. C’è stata la marea il 29 ottobre dello scorso anno, raggiungendo la quota record di un metro e sessanta centimetri.

La curiosità – continua la commessa – di conoscere la storia legata all’ubicazione è di tutti, sono 17 anni che l’inventore sosta nella Serenissima, in questo luogo attrattivo, con i gatti che vanno e vengono in giro per le stanze, amati, coccolati e dall’alto delle pile di libri si ritengono custodi di questa miniera cartacea tutta da scoprire”.

Acqua Alta è un luogo fuori dai percorsi escursionistici, ma è diventata una tappa irrinunciabile sia per i veneziani che per i turisti. L’atmosfera misteriosa toglie il fiato, lascia il segno.   E poi si trova a Venezia, città dall’incanto inconfondibile, la seconda città più visitata, dopo Roma, rinomata per il Carnevale, dal fascino dei canali e calle, dai monumenti merlettati che si affacciano sulla laguna. Almeno una volta nella vita, da visitare.  E non perdetevi Acqua Alta.

È un gioiello nel suo genere, questa meraviglia è il massimo dell’ispirazione per gli esordienti scrittori credo. Ed è attrazione di giornalisti stranieri per servizi televisivi.

 Merita il tempo e l’interesse lasciando la voglia di ritornarci. De gustibus!

https://www.facebook.com/libreriaacquaalta/videos/2316468581932086/

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa