Politica

Unesco, Paolo Russo (FI): “Dopo l’iscrizione dei muretti a secco il governo incrementi il fondo per la tutela del patrimonio italiano immateriale”

Napoli, 29 Novembre – “L’arte dei muretti a secco diventa patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Il Governo ha ora una ragione in più per approvare l’emendamento alla manovra con il quale ho chiesto che nel 2019 si incrementi di 2 milioni l’autorizzazione di spesa per sostenere gli investimenti volti alla riqualificazione e alla valorizzazione dei siti italiani tutelati dall’Unesco, nonché del patrimonio culturale immateriale”: é quanto dichiara il deputato e responsabile nazionale del dipartimento Sud di Forza Italia, Paolo Russo.

“Dopo l’arte dei pizzaioli napoletani, la dieta mediterranea, l’opera dei Pupi siciliani, il canto a tenore sardo, il saper fare liutario di Cremona, la vite ad alberello di Pantelleria, la Falconeria e dopo la festa dei Gigli di Nola, la macchina di Santa Rosa di Viterbo, la Varia di Palmi ed i candelieri di Sassari che insieme hanno dato vita alla rete delle grandi macchine a spalla italiane, – aggiunge Russo – la tutela dell’Unesco all’arte dei muretti a secco sancisce lo straordinario valore delle nostre tradizioni che sono legate a doppio filo con la storia dei luoghi ed al cammino delle nostre comunità”

“Non valorizzare ciò di cui il nostro Paese é custode significa – conclude il deputato – commettere un reato contro la legittima aspirazione dei territori di investire e di puntare sulle risorse di cui sono ricchi e che rappresentano opportunità di sviluppo economico e culturale”

Carmen Fusco

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa