Comuni

Undici Associazioni Insieme Per Il Destino Della Piazza D’armi A Nola

Cartello delle associazioni, mobilitate tutte per il futuro dell’area

Nola. Prosegue l’impegno costante del movimento “Piazza D’armi” a proposito del destino e dell’utilizzo della grande piazza di Nola che dà il nome all’associazione. I dirigenti del gruppo di volontariato sociale infatti sono riusciti a mettere intorno a un tavolo una lunga serie di associazioni che hanno steso un documento comune poi trasmesso all’amministrazione comunale.  L’iniziativa ha fatto seguito al convegno organizzato su Piazza D’armi il 12 marzo scorso: affinché lo stesso non rimanesse fine a se, l’associazione ha continuato ad interessarsi delle vicende relative alla riqualificazione  di questa vasta area. La grande riunione delle associazioni della città è stata organizzata per il 30 marzo scorso: in  quella sede è stato fatto il punto della situazione ed è stato  redatto un documento con tutte le associazioni partecipanti.  All’iniziativa hanno aderito le associazioni C.I.F, A.M.CI., MERIDIES, ARCHEO CLUB, FIDAPA, ASS. EX ALUNNI CARDUCCI, LEGAMBIENTE-Nola, CIVITAS, AICAST, ASS. STELLA e NAPOLI CULTURAL CLASSIC. Il documento, una volta redatto , sottoscritto e protocollato, è stato letto nel corso del consiglio comunale del 5/03/2016. Le indicazioni  date all’assemblea pubblica sono state chiarissime: è stato chiesto all’amministrazione  di avviare trattative che possano, per quanto concerne la destinazione d’uso della caserma Cesare Battisti, quanto più possibile, tener conto degli interessi collettivi dei  cittadini. Un altro obiettivo da prefiggersi  deve essere quello creare nello spazio antistante la caserma, aree e parchi verdi. L’iniziativa popolare, quindi, lungi dall’avere toni polemici e provocatori si è prefissa di coadiuvare e supportare l’amministrazione locale affinché ogni scelta che venga effettuata  su quest’area  possa essere condivisa dai cittadini.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print