Sports

Trofeo delle Regioni di Pattinaggio Artistico a Rotelle, il piccolo talento Carmine Giannattasio di Scisciano conquista il podio più alto nel prestigioso Trofeo FISR

Scisciano, 6 Luglio – Molto in voga negli anni ottanta, il pattinaggio artistico su rotelle è uno sport considerato un po’ vintage, tecnicamente molto simile a quello sul ghiaccio, forse considerato un po’ meno popolare ma altrettanto entusiasmante e spettacolare.

Si tratta di uno sport in cui vengono messe in movimento armonico tutte le parti del corpo, perfino le mani. L’attività motoria è esaltata da movimenti eleganti, rapidi ma mai bruschi, potenti ma mai esagerati.

Eleganza, rapidità, potenza e grazia sono le straordinarie caratteristiche tecniche che hanno permesso a due giovanissimi atleti, Carmine Gannattasio di Scisciano ed Ersilia Porciello di Mariglianella, entrambi della Scuola di Pattinaggio Artistico Alusìa Marigliano, di centrare uno straordinario traguardo: due primi posti in due diverse categorie (Libero Giovanissimi Maschile e Coppia Danza Giovanissimi) al prestigioso Trofeo delle Regioni di Pattinaggio Artistico a rotelle organizzato dalla FISR (Federazione Italiana Sport Rotellistici) e svolto il 15 giugno scorso presso il Palazzetto dello Sport “Marco Simoncelli” di Mirandola in provincia di Modena.

Al Trofeo delle Regioni, senza dubbio massima competizione in ambito nazionale, hanno partecipato 320 atleti tra gli 8 e gli 11 anni provenienti da 15 Regioni d’Italia, pronti a sfidarsi per portare a casa l’ambito titolo.

A rappresentare la Campania Carmine ed Ersilia della Scuola di Pattinaggio Artistico Alusìa di Marigliano. I due piccoli, incredibili atleti, contro ogni pronostico, scendono in pista e immediatamente incantano la platea, conquistando un incredibile traguardo: su 12 atleti in gara, primo posto per Carmine Giannattasio nella categoria Libero Giovanissimi A e successivamente, insieme, nella specialità Coppia Danza, ancora un altro primo posto, mettendo in riga le temibile 8 coppie partecipanti alla importante kermesse sportiva.

Grande l’entusiasmo all’interno dello staff tecnico della Scuola Alusìa per i due primi posti, certamente impensabili alla vigilia, considerando la presenza, al Trofeo delle Regioni, di grandi “corazzate” del pattinaggio artistico a rotelle, provenienti da ogni parte d’Italia. “E’ senza dubbio una grande soddisfazione – dichiara una delle allenatrici, Alessia De Dura, ex campionessa mondiale Coppia Danza – I bambini, per arrivare a questo traguardo, si sono allenati con grande costanza e impegno. Ogni giorno duri e stressanti allenamenti, dovendo comunque fare i conti con le enormi difficoltà che abbiamo: la mancanza di una pista coperta! Pensi che durante l’inverno siamo costretti a pattinare nonostante il grande freddo e la piaggia, tutto questo, ovviamente, va a discapito di una costante e completa preparazione. La stessa difficoltà la incontriamo d’estate. I bambini sono costretti ad allenarsi sotto un sole cocente…senza contare poi che la nostra pista anche essendo regolamentare, è comunque piccola e direi insufficiente, rispetto alle piste e alle organizzatissime strutture della maggior parte delle società del nord Italia. Abbiamo deciso di andare a Mirandola diversi giorni prima dell’inizio del Torneo, per dare la possibilità ai bambini di prendere confidenza con le strutture completamente diverse dalle nostre. Voglio sottolineare il grande sacrificio che fanno questi bimbi: sono atleti ma nello stesso tempo anche bambini che vanno a scuola e quindi devono misurarsi con l’impegno dello studio. Bimbi che io reputo già grandi per le cose che fanno e per l’enorme sacrificio di ogni giorno”.

Il team tecnico della Scuola Alusìa composto dalle allenatrici Giuliana Iossa, Laura Maselli e Alessia De Dura, coadiuvato dal supporto del presidente Gennaro Giannattasio, padre del piccolo talento Carmine, nel tempo, con una seria programmazione quotidiana, coltivando talenti in erba, ha conquistato spazi sempre più importanti nel panorama regionale e nazionale del pattinaggio artistico a rotelle.

“L’enorme lavoro realizzato con impegno e grandi sacrifici – dichiara il presidente della scuola di pattinaggio Alusìa, Gennaro Giannattasio –  prima di arrivare alla fase finale del Torneo delle Regioni, ha dato, contro ogni previsione, i suoi frutti. Carmine Giannattasio che insieme ad Ersilia Porciello ha rappresentato la Campania, sono saliti, con due primi posti, sul podio più alto della competizione nazionale. Quando un atleta che normalmente gareggia in una pista regolamentare 30×60, e invece – come nel nostro caso –  è costretto ad allenarsi in piste o un po’ più piccole o addirittura in delle piste arrangiate, vincere un titolo nazionale diventa quasi un sogno. Nonostante le limitazione che abbiamo rispetto ad altre società italiane, dovendoci allenare, appunto, in strutture fatiscenti o appena sufficienti, siamo riusciti, con un’impresa che ha dell’incredibile, a trasformare il sogno in realtà! Vorrei – conclude il presidente – a tale proposito sensibilizzare l’Amministrazione Comunale di Scisciano, dove abitiamo, ma anche quella di Marigliano, dove ci alleniamo, riguardo appunto al problema  della mancanza di strutture. In un piccolo comune come Scisciano, per esempio, avere la possibilità di una struttura adeguata potrebbe senza dubbio favorire la crescita di altri talenti, autentici campioncini di pattinaggio artistico come Carmine”.

La Scuola di Pattinaggio Alusìa è un’associazione sportiva dedicata esclusivamente al pattinaggio artistico che si prefigge l’obiettivo di dare la possibilità, a chi ama pattinare, di poterlo fare all’interno di un’organizzazione di riconosciuto valore tecnico. Giuliana Iossa, madre del campioncino Carmine, e allenatrice del team mariglianese, ma anche tecnico dell’altra allenatrice Alessia De Dura, che nel 2008 in Cina, nella specialità Coppia Danza, si laurea campionessa del Mondo, esprime tutta la sua soddisfazione per il traguardo conquistato. “Ancora un’altra grande gioia, Carmine ed Ersilia primi al Torneo più importante d’Italia! E’ questa una tappa di un cammino che già in passato ci ha regalato altri riconoscimenti con Giacinto ed Alessia che hanno vinto appunto il Campionato del Mondo. Prima di questo ultimo traguardo, abbiamo avuto un lungo periodo poco fertile nel riproporre atleti e questo a causa del grave problema della mancanza di strutture. Adesso sono sbocciati i due bimbi che in questo tipo di categoria rappresenta la massima gara a cui si può aspirare, visto che non esiste un vero e proprio campionato italiano: La FISR considera appunto il Torneo delle Regioni la massima competizione nazionale. Ci siamo confrontati con scuole che hanno alle spalle una grande tradizione di campioni che si susseguono ogni anno. Ecco perché siamo davvero fieri e orgogliosi del risultato raggiunto dai due bimbi, considerando appunto il grave handicap della mancanza di strutture. Oltre a ringraziare i bimbi e i loro genitori – conclude Giuliana Iossa – vorrei fare un plauso al team degli allenatori che ha contribuito alla conquista di questa grande vittoria. Laura Maselli, da sempre mia stretta collaboratrice che nella parte del Libero ha dato un contributo determinante e Alessia De Dura che  si occupa della Coppia Danza. Grazie a lei, sul podio più alto anche in questa specialità. Un ringraziamento particolare va senza dubbio a Luca D’Alisera, un campione del mondo a cui ci siamo rivolti per fare degli approfondimenti nel Libero. Prezioso il suo apporto nel montaggio del disco, ha aggiunto delle particolarità capaci poi di renderlo ancora più gradevole da vedere. Infine un grazie anche a Graziella De Simone, allenatrice di Benevento. Ci ha dato la possibilità di usufruire della sua struttura per poter completare il programma di allenamenti e ha inoltre contribuito con importanti consigli tecnici alla nostra crescita”.

 

  

image_pdfimage_print

“Giornalista pubblicista con una grande passione per lo sport, in particolare per il calcio, da sempre definito lo sport più bello del mondo.

Scelgo, ogni volta che scrivo, di essere al servizio della notizia e del lettore, raccontando i fatti con chiarezza ed essenzialità. Credo fermamente che l’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede”.

Lascia un commento