Comuni

Torre Annunziata, scommessa gioco d’azzardo. Assessore Ruggiero:”Polemica creata da chi approfitta di post sulla mia pagina Fb per alimentare accuse offensive, pettegolezzi e odio verso di me e l’amministrazione che rappresento”

Torre Annunziata, 16 Aprile – “Da 24 ore sono finito in una polemica che a mio avviso considero inutile e fuori luogo. Creata da chi, artatamente, approfitta di post sulla mia pagina facebook personale, solo per alimentare inutili pettegolezzi, accuse offensive e alimentare una campagna di odio verso il sottoscritto e l’amministrazione che rappresento”. Afferma Aldo Ruggiero Assessore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport del Comune di Torre Annunziata.

“Proprio per questo – prosegue l’assessore –  ho deciso di denunciare questo ultimo episodio, tutti gli altri precedenti e quelli che seguiranno, alle autorità competenti. Non l’ho mai fatto, ma quando si supera la linea di demarcazione tra sfera personale e professionale, credo che si debba necessariamente prendere provvedimenti.

Sono da sempre – puntualizza Ruggiero –  rispettoso dei ruoli e della professionalità di tutti, ma la misura è colma e anche le offese. Non sono contro il giudizio critico e costruttivo, ma sono invece contro chi alimenta campagne di odio gratuite e sempre più spesso senza alcun fondamento solo per il gusto primitivo di diffamare.

Nello specifico della vicenda – precisa l’assessore Ruggiero –  chiedo semplicemente scusa a chi ha potuto pensare che il mio post ironico e goliardico, relativamente ad una vincita per una scommessa sportiva, rappresentasse una campagna a favore del gioco, ancor peggio quello d’azzardo e fuorilegge. Mi spiace che questo post abbia potuto mettere in cattiva luce il mio operato e quello dell’intera Amministrazione Comunale. Approfitto per comunicare – conclude l’assessore alla Cultura –  che la mia vincita sarà devoluta per una campagna contro il gioco d’azzardo patologico all’interno delle scuole”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print