Attualita'

Somma Vesuviana, lungo applauso ai funerali di Mario Cerciello Rega: “eroe dei nostri tempi”

Somma Vesuviana, 29 Luglio – Un’intera città attende commossa l’arrivo del suo “eroe”. La salma del vicebrigadiere Mario Cerciello Raga arriva alle 12.00 nella Chiesa di Santa Maria del Pozzo accolta da un lungo applauso. Portato a spalle dai carabinieri, il feretro è avvolto dal tricolore. La chiesa è la stessa dove meno di un mese e mezzo fa, il giovane carabiniere aveva sposato Rosa Maria, che non ha lasciato per un solo attimo la bara, con una foto in mano del matrimonio e la maglietta del Napoli di cui Mario era un acceso tifoso. “Mario sei uno di noi” si legge su uno striscione bianco collocato nella piazza antistante la chiesa.

Fate anche voi, responsabili della cosa pubblica, della vita degli altri il senso della vostra vita, consapevoli che quanto operate o non operate è rivolto a uomini concreti: a cittadini e stranieri, a uomini e donne delle Forze Armate e Forze dell’Ordine, ai quali non possiamo non rinnovare il grazie e l’incoraggiamento della Chiesa e della gente. E se voi e tutti noi sapremo meglio imparare, da uomini come Mario, il senso dello Stato e del bene comune, l’Italia risorgerà”.

E’ questo un passaggio dell’omelia di monsignor Santo Marcianò ai funerali di Mario Cerciello Rega. “Quanto è accaduto è ingiusto” – ha aggiunto Marcianò – , e “ci spinge, oggi, a levare un grido che si unisce alla tante e diverse voci che in questi giorni hanno formato un unico coro, testimoniando la straordinarietà dell’uomo e del carabiniere Mario, ma anche chiedendo giustizia e che eventi come questo non accadano più”.

La vedova di Mario Cerciello Rega, Maria Rosaria, ha voluto che fosse letto al funerale del vicebrigadiere lo stesso passo del Vangelo del loro matrimonio, avvenuto nella stessa chiesa a Somma Vesuviana un mese e mezzo fa. Si tratta del passaggio del Vangelo di Matteo in cui Gesù definisce i suoi discepoli il sale della terra e la luce del mondo.

A Somma Vesuviana il picchetto d’onore delle associazioni militari ed è piena di palloncini bianchi la piazza antistante la chiesa di Santa Maria del Pozzo, con un folla composta e silenziosa.

Intanto è stato proclamato il lutto cittadino, negozianti e cittadini espongono il Tricolore alle finestre.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print