Comuni

Serenata del cantante Alessio manda in tilt Bagnoli, musica fino a tarda notte senza alcun permesso

Verdi: “Abitudine indegna e vergognosa tipica degli incivili che non hanno rispetto del prossimo. Lo Stato si riappropri del territorio e sanzioni duramente sia i cantanti che i ‘clienti'”

 

 

Napoli, 11 Giugno – “Da tempo denunciamo l’assurdo fenomeno delle “serenate” in strada. L’ultimo caso si è verificato tra sabato e domenica a Bagnoli con il quartiere che è andato letteralmente in tilt a causa dell’esibizione di Alessio che è stato chiamato per “festeggiare” la comunione di due bambine. E così mentre il cantante eseguiva le sue canzoni nel bel mezzo della strada il traffico è andato in tilt. Le code si sono generate a catena e alla fine l’intera zona è rimasta paralizzata. Il concerto in strada, tra l’altro, è proseguito, secondo i racconti dei presenti, fino alle due di notte, in totale spregio del diritto al riposo di chi abita nelle vicinanze e senza alcuna autorizzazione”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli commentando il video postato sulla pagina Facebook Bagnoli 80124. “Purtroppo le “serenate” rappresentano un problema attuale, un’abitudine indegna e vergognosa, tipica degli incivili che non hanno rispetto del prossimo e che pensano di avere il diritto per le loro feste di appropriarsi di pezzi di territorio quando gli pare e piace senza alcun permesso o autorizzazione di sorta. Non ha alcuna scusante chi, per allietarsi, crea disagi ad un intero quartiere, impedendo tra l’altro il riposo del vicinato e la libera circolazione. Occorre che lo Stato si riappropri del territorio. Questa assurda abitudine deve essere contrastata con la massima veemenza dalle forze dell’ordine che sembrano non accorgersi della derive illegale e incivile che stiamo vivendo. Cantanti e “clienti” devono essere sanzionati duramente per occupazione abusiva di suolo pubblico, schiamazzi e blocco del traffico”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa