Comuni

Scisciano, Revoca nomina assessore Ambrosino. Il sindaco Serpico: ”Nel rispetto di tutti, venuto meno il rapporto fiduciario, ho revocato la nomina di assessore”

Scisciano, 31 Luglio – Lunedì 31 Luglio, all’insolito orario delle nove del mattino, si è svolto, a Scisciano, il Consiglio Comunale, convocato in seduta straordinaria. All’ordine del giorno oltre alla lettura e approvazione dei verbali della seduta precedente, la salvaguardia degli equilibri di bilancio 2017 e l’affidamento della riscossione coattiva delle Entrate Comunali Tributarie e Patrimoniali all’Ente Nazionale della Riscossione – Agenzia delle Entrate, sotto la generica espressione “comunicazioni del Sindaco”, montava l’attesa e la curiosità dei cittadini sciscianesi per conoscere le motivazioni del primo cittadino,  riguardo la revoca della nomina ad assessore comunale( Urbanistica e Sport) conferita, appunto, al consigliere comunale dott. Raffaele Ambrosino con provvedimento prot. N.2837 del 7 giugno 2013.

Fino alla vigilia del Consiglio di stamane, erano tante le ipotesi che circolavano in città, molte di queste anche condite da analisi estremamente articolate e complesse. Ma come spesso capita in questi casi, “la montagna partorisce il cosiddetto topolino” e il primo cittadino di Scisciano prof. Edoardo Serpico, sbaraglia le più sofisticate alchimie politiche con la più semplice e lineare delle motivazioni. “Riguardo alle comunicazioni relative alla revoca della nomina di assessore all’Urbanistica e Sport, conferite al dott. Raffaele Ambrosino – dichiara in Consiglio il primo cittadino –  voi tutti sapete che la carica di consigliere comunale è espressione del voto popolare, mentre quella di assessore comunale, viene conferita sulla base di un rapporto fiduciario che ci deve essere tra il sindaco e un assessore. Essendo venuto meno questo rapporto fiduciario, nel corso del tempo, ho ritenuto opportuno – conclude il sindaco –  nel rispetto della cittadinanza, mio, dello stesso dott. Ambrosino, e nel rispetto di tutti, revocare la nomina di assessore”.

Appena un attimo di suspense, o se vogliamo di iniziale incredulità, e subito prende la parola il capogruppo di “Scisciano Bene Comune” ing. Peppino Napolitano, che incalza il  sindaco, chiedendo la definitiva conferma di quanto ascoltato un momento prima. “Il motivo per cui la legge richiama – come lei giustamente evidenziava –  il comma 4 dell’articolo 46, dice puntualmente <<il sindaco e o il presidente della provincia possono revocare uno o più assessori dandone motivata comunicazione al Consiglio>>. La motivazione è dunque quella che è venuto meno il rapporto fiduciario con l’assessore Raffaele Ambrosino. Questo è dunque il motivo, non ha da aggiungere altro?”, conclude Napolitano non ancora del tutto convinto, cercando di strappare altre più soddisfacenti motivazioni.

Assente alle battute iniziali della seduta del Consiglio Comunale e al punto delle dichiarazioni del sindaco Serpico sulle motivazioni di revoca, l’ex assessore Ambrosino, preso atto di quando verbalizzato, rilascia agli atti  le sue dichiarazioni riguardo la revoca subita, che successivamente chiede di leggere ai presenti in Consiglio Comunale.” A seguito del pervenimento inatteso della revoca d’incarico di Assessore Comunale, con deleghe allo Sport e Urbanistica, ( ex prot. 3616 del 07 07 2017) a firma del Sindaco Pro Tempore, prof. Edoardo Serpico -atto deliberativo di Consiglio Comunale n. 15 di 31 07 2017- non conoscendo le reali motivazioni di tali scelte – si ribadisce, per atto monocratico del Sindaco Serpico- scelte, peraltro, per quanto di conoscenza, non discusse e non condivise in seno alla maggioranza in carica. Confermo la disponibilità alla continuazione, nelle forme opportune della carica pubblica elettiva di Consigliere Comunale, come da mandato conferito dalla cittadinanza in occasione della tornata elettorale del giugno 2013, sempre col massimo impegno, ed unicamente nell’interesse della Comunità di Scisciano”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print