Comuni

Scisciano, il saluto di Padre Marco Paini: “Ho vissuto un’intensa esperienza di ascolto, comunione e condivisione. Vi abbraccio pieno di riconoscenza” [VIDEO]

Padre Marco: “Le esperienze belle che viviamo ci rendono capaci di farne altre belle e profonde. Essere fratelli va molto al di là dei legami di sangue”.

Scisciano, 16 Settembre – “Ciò che custodisco nel mio cuore sono le relazioni. Le relazioni con le persone: le famiglie, i ragazzi, i giovani, le coppie di sposi, gli anziani, gli ammalati. Credo fermamente che noi siamo le nostre relazioni. Non è una parola strana ma la nostra vita. Più viviamo e stabiliamo rapporto, rapporti veri, autentici, disinteressati, e più stiamo meglio. Se vogliamo fare un bilancio di questi quattro anni sento che tutto verte su questo aspetto: la relazione con la gente è il bene più bello che adesso riempie il mio cuore”. Queste le prime parole che Padre Marco Paini, parroco di Scisciano, ha rilasciato alla nostra redazione, proprio alla fine della sua esperienza sacerdotale nella Comunità di Scisciano.

Nelle varie celebrazioni di commiato, tutta la comunità sciscianese, con immensa gratitudine, si è stretta attorno al suo amato sacerdote, sottolineando commossa la straordinaria opera pastorale svolta in questi lunghi e intensi anni di cammino.

Dalle Istituzioni, alla comunità civile, passando anche per chi religioso non è, emerge chiaramente, nel confronti del docile e carismatico missionario, sentimenti di stima e di grande affetto.

image_pdfimage_print

“Giornalista pubblicista con una grande passione per lo sport, in particolare per il calcio, da sempre definito lo sport più bello del mondo.

Scelgo, ogni volta che scrivo, di essere al servizio della notizia e del lettore, raccontando i fatti con chiarezza ed essenzialità. Credo fermamente che l’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *