Comuni

Scisciano, il consigliere Ambrosino costituisce un nuovo Gruppo:”Con NOI INSIEME rinnovo l’impegno di consigliere comunale di opposizione”

Aumento Tariffa Tari. Ambrosino: ”L’aumento del 16% è fine a se stesso. Non si registra infatti l’espletamento o anche solo la programmazione di alcuna attività aggiuntiva e\o prestazioni migliorative ma solo un peggioramento del servizio”.

Scisciano, 01 Aprile – Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale di lunedì 25 marzo, prendono corpo nuovi importanti scenari politici all’interno della minoranza consiliare di Scisciano. Il consigliere di opposizione Raffaele Ambrosino, attraverso una circostanziata motivazione, rende noto il suo  distacco definitivo dal Gruppo consiliare “Scisciano Bene Comune”, costituendo un nuovo gruppo consiliare di opposizione che prende il nome di “NOI INSIEME”. “A seguito della presa d’atto del Presidente del Consiglio, della richiesta di sostituzione, da parte del Gruppo consiliare “Scisciano Bene Comune”, della mia figura, nella Commissione consiliare di Controllo e Garanzia, con altro Consigliere del medesimo Gruppo, dopo attenta riflessione politica – precisa Ambrosino –  si è ritenuto di continuare l’impegno di Consigliere Comunale di opposizione costituendo il gruppo consiliare “NOI INSIEME”. L’impulso e l’incisività dell’azione politica ed amministrativa seguirà le linee programmatiche già note all’elettorato sciscianese, che mi ha, peraltro, consegnato un largo consenso popolare”.

Ma la seduta del Consiglio comunale di lunedì riserba anche un’altra significativa novità: l’inaspettato aumento del 16% della tassa sui rifiuti. “E’ d’obbligo, per l’occasione, informare la cittadinanza – dichiara il consigliere Ambrosino –  che la maggioranza consiliare ha unanimemente votato, l’aumento del 16 % della tariffa Tari per il servizio di raccolta rifiuti. Tale aumento è fine a se stesso; a fronte e a giustificazione di esso, infatti, non si registra l’espletamento o anche, solo, la programmazione di alcuna attività aggiuntiva e/o prestazioni migliorative. Si registra, invece, il peggioramento del servizio per l’indisponibilità di conferimento dei rifiuti all’Isola Ecologica, chiusa da ben 7 mesi per sequestro giudiziario, senza, peraltro, conoscenza delle previsioni temporali di riapertura. Non è fatta menzione di alcuna tariffa agevolata per famiglie bisognose, numerose e/o con componenti disabili nel nucleo familiare”.

Il consigliere Raffaele Ambrosino si sofferma poi sulla indispensabile necessità di attuare una gestione totalmente diversa dei rifiuti, affinchè possano diventare risorsa e opportunità di sviluppo per la collettività. ”La collettività di Scisciano necessita, invece, di una diversa e nuova mentalità nella gestione di tale servizio, orientata alla promozione, al potenziamento del riciclaggio e al miglioramento della raccolta differenziata -percentuale attualmente inferiore al minimo previsto dalla normativa regionale- con finalità di riduzione tariffaria e sgravi economici per le famiglie meritevoli, che, cioè, producono meno rifiuti a vantaggio dell’ambiente.

Si è, quindi palesata, nell’ultimo biennio, in considerazione anche del precedente incremento, la scelta e la volontà politica di aumentare la Tari di ben il 21% (+5% precedente e +16% anno 2019), percentuale complessiva superiore anche agli indici Istat di aumento del costo della vita.

E’ necessario, in definitiva – conclude il capogruppo di NOI INSIEME – per Scisciano e per i cittadini tutti, una diversa gestione dei rifiuti che avviene, come anche in alcuni Comuni limitrofi, nella considerazione che il rifiuto è una risorsa economica e un’opportunità di sviluppo anche occupazionale”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print