Comunicati

Scisciano, Gruppo consiliare Scisciano Bene Comune. Interrogazione al sindaco: “Contratti di fornitura di beni e servizi. Richiesta di istituzione di un Albo dei fornitori”

Scisciano, 13 Aprile – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Gruppo Consiliare “Scisciano Bene Comune” riguardante i contratti di fornitura di beni e servizi. Richiesta di istituzione di un “Albo dei fornitori”.

Il Gruppo consiliare di opposizione: “Registriamo con soddisfazione e accogliamo positivamente l’atteggiamento di apertura della maggioranza verso le istanze del gruppo consiliare Scisciano Bene Comune, istanze avanzate non allo scopo di intralciare l’operato degli amministratori ma di renderlo più trasparente e rispondente alle esigenze dei cittadini”.

 

 

Si ricorda ai chiamati in causa la facoltà di esercitare il diritto di replica ai sensi dell’art. 8 della Legge 47/1948

*****

Prot. n° 01/19                                                                           

Scisciano 08 gennaio 2019

Al sig. Sindaco del Comune di Scisciano

SEDE

Interrogazione ex art.21 c.2 Reg. Comunale.

Oggetto: contratti di fornitura di beni e servizi. Richiesta di istituzione di un “Albo dei fornitori”.         

  Noi sottoscritti  consiglieri del Gruppo “Scisciano Bene Comune” chiediamo di conoscere le modalità e i criteri di massima seguiti dall’Amministrazione Comunale nell’acquisto di beni e servizi di non rilevante importo.

  Chiediamo inoltre di sapere, per renderne edotta la cittadinanza, se nella scelta dei fornitori vengono rispettate le indicazioni di cui all’art. 4 del D. Lgs. n.50/2016 (Codice dei contratti pubblici) secondo il quale anche  i contratti aventi ad oggetto lavori, servizi e forniture esclusi dalle norme del codice degli appalti, devono essere improntati nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficienza energetica.

  In particolare auspichiamo che nella scelta dei fornitori si tenga conto del costo dei beni e servizi offerti e, a parità di prezzi offerti, si segua un criterio di “turnazione” fra tutti coloro che operando sul nostro territorio offrano beni e servizi della stessa natura, prediligendo, a parità delle altre condizioni, i cittadini di Scisciano.   

  Sarebbe infatti illogico oltre che ingiusto a nostro modo di vedere, se l’Amministrazione si rivolgesse ad un unico fornitore di fronte ad una pluralità di offerte.

  Per i motivi sopra esposti e in sintonia con quanto indicato dal già menzionato art.4 del  D. Lgs. n.50/2016,  chiediamo l’istituzione di un “Albo dei fornitori di beni e servizi” al quale possano liberamente iscriversi gli artigiani e commercianti operanti sul nostro territorio che intendano avere rapporti commerciali con l’ente comunale.

Qualora un istituto del genere, o sistema equipollente, fosse già in atto chiediamo di conoscerne i contenuti ed il funzionamento.

Restiamo in attesa di risposta scritta nei termini di cui all’art. 21 c. 5 del  Reg. Com..

Per i Consiglieri del Gruppo Consiliare “Scisciano Bene Comune”

                                              Pasquale Arianna

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print