Comuni

Scisciano e San Vitaliano siglano protocollo culturale con l’Istituto Comprensivo “Omodeo -Beethoven” e il Parlamento della Legalità Internazionale

Scisciano-San Vitaliano, 8 Maggio – Il sindaco del comune di Scisciano, Edoardo Serpico, e il primo cittadino del comune di San Vitaliano, Pasquale Raimo, hanno siglato, quest’anno, un importante protocollo culturale con l’Istituto Comprensivo “Omodeo -Beethoven” e il Parlamento della Legalità Internazionale.

Il Parlamento, nato a Palermo dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio è un movimento culturale, interconfessionale e interreligioso che trova le sue radici nella “sete” di Verità e Giustizia a partire proprio da quelle terribili stragi. Nato anche per volere del giudice Antonino Caponnetto – coordinatore del pool antimafia di Palermo, il Parlamento della Legalità Internazionale, il cui presidente è Nicolò Mannino e il vice-presidente Salvo Sardisco, si adopera per promuovere in tutta Italia ma anche a livello internazionale, la cultura della legalità. Ha come obiettivo e finalità quello di dialogare principalmente con il mondo scuola e società civile affinché chiunque, a partire dal proprio talento naturale (letterario, artistico, musicale, sportivo, o quant’altro) si metta in gioco per cooperare allo sviluppo del territorio.

Una vasta rete di scuole che fanno parte del Parlamento della Legalità, lavorando su progetti di impatto sociale ricevono poi il presidio del suddetto parlamento, vera e propria ambasciata.

L’Istituto Comprensivo “Omodeo-Beethoveen” ha insediata l’ambasciata delle emozioni sia nel comune di Scisciano che in quello di San Vitaliano. La firma del protocollo culturale, siglata durante il primo caffè letterario, è un progetto  presentato dalla dott.ssa Nappi, coordinatrice culturale per la regione Campania.

Il Parlamento Internazionale della Legalità, l’8 e 9 maggio di ogni anno, organizza un incontro con tutte le scuole d’Italia che hanno aderito al movimento culturale.

Il primo evento, quello dell’8 maggio, si terrà a Palermo al Giardino della Memoria, realizzato per ricordare il piccolo Giuseppe Di Matteo, che nel 1996 rimase vittima della brutalità dei boss che lo rapirono e sciolsero nell’acido, dopo una lunga prigionia. Il 9 Maggio si terrà poi il Festival della Gioia della Legalità.

A Monreale, infine, si riuniranno tutte le scuole, per dar vita ad una marcia della legalità, così come a diversi altri eventi, tra cui un concerto ambientato nelle suggestive atmosfere nella Cattedrale della città siciliana, con l’arcivescovo Michele Pennisi, socio fondatore dello stesso Parlamento della Legalità Internazionale.

L’interessante e prestigioso appuntamento rientra, dunque, come coronamento di un lungo percorso fatto quest’anno dai comuni e dalla scuola.

La scelta del 9 maggio, infine, non è per nulla occasionale. In quella data, il  presidente Mannino ha voluto ricordare il giorno preciso dell’anatema che Giovanni Paolo II lanciò contro i mafiosi dopo le terribili stragi di Capaci e via D’Amelio. Ogni anno, dunque, il 9 maggio tutte le scuole saranno chiamate a promuovere la gioia della legalità, e prendere fermamente le distanze dalla criminalità organizzata, dalla mafia e dalla camorra.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print