Comunicati

Scisciano, Area parcheggio cimitero. Il sindaco replica:”Da assessore, Ambrosino ha mostrato incapacità a formulare proposte. Adesso specula su episodi negativi”

Scisciano, 20 Ottobre – A pochi giorni della formalizzazione della interrogazione\interpellanza urgente al primo cittadino, da parte del consigliere  del Gruppo di minoranza “Noi Insieme” Raffaele Ambrosino, in merito “allo stato di degrado, abbandono ed incuria in cui versa l’area del nuovo parcheggio del cimitero comunale”, arriva, puntuale, la replica del sindaco di Scisciano Edoardo Serpico. “Il mestiere dell’opposizione si sostanzia – afferma il primo cittadino –  in esercizio critico e propositivo, in impegno tendente a migliorare, tramite sollecitazioni anche forti, le attività di governo. Il cittadino, nel suo intimo, condivide e coltiva attese di buona amministrazione anche dall’esercizio della minoranza e non si attende, certamente, che si speculi su episodi negativi o che ci si ricordi, a proprio piacimento, di problematiche territoriali, precedentemente trascurate”.

“ Il consigliere Ambrosino – puntualizza il sindaco –  continua ad essere senza memoria e nel buio più totale. Non si può non evidenziare, nel suo operato, la perdita completa di rotta. Per più di 9 anni ha ricoperto la carica di assessore ed ha mostrato incapacità a formulare proposte risolutive e proporre politiche attive. Oggi, come affermato da un nostro concittadino, sembra di colpo accorgersi di criticità trascurate in passato. Tali incoerenze comportamentali emergono chiaramente nella interrogazione/interpellanza presentata in data 14 ottobre 2019 allo scrivente.

“Nel merito – prosegue il prof. Serpico –  preciso quanto segue: 1.come avviene da decenni sarà effettuata, nei prossimi giorni, una pulizia straordinaria di tutta l’area adiacente il cimitero comunale, 2.il finanziamento utilizzato per installare telecamere sul nostro territorio ha consentito l’allocazione di un numero limitato di impianti. Si è data priorità ai punti ritenuti più sensibili. Attraverso la seconda tranche di finanziamenti si provvederà a dotare di impianti di videosorveglianza siti attualmente sprovvisti di tali apparecchiature, 3.l’impianto di pubblica illuminazione, in quella zona, non è attualmente funzionante perché necessita un potenziamento delle attuali fonti di erogazione di energia elettrica. Potenziamento non previsto in fase progettuale”.

“Forniti i chiarimenti richiesti – sottolinea il sindaco –  sono doverose alcune riflessioni. Si può essere credibili quando si vota contro la realizzazione di opere pubbliche che servono a migliorare la qualità di vita dei nostri concittadini? Si può essere credibili quando si vogliono affrontare criticità da consigliere comunale di minoranza, precedentemente trascurate da assessore? Io penso di no”. Sottolinea il primo cittadino.

“L’ex assessore Ambrosino ha votato contro la realizzazione dell’intersezione stradale a Spartimento, l’adeguamento delle strutture scolastiche, il potenziamento e l’adeguamento dell’impianto di pubblica illuminazione (delibere di C. C. N 5 e 7 del 30 marzo 2018). In compenso si è espresso a favore della riqualificazione dell’area dismessa della circumvesuviana e delle aree circostanti (del. G. M. 15/11 progettisti arch. Grosso ed Ambrosino) e a favore del conferimento dell’incarico all’ing. Lanzara , progettista dell’area di parcheggio adiacente il cimitero comunale e dell’impianto di pubblica illuminazione di cui si evidenzia il mancato funzionamento(del.G.M.47/08). Per di più, da assessore sistematicamente non utilizzava i fondi allocati sui capitoli di sua competenza. Mi chiedo e vi chiedo – conclude Serpico – avrebbe potuto, con i fondi non utilizzati, proporre una variazione di bilancio per acquistare telecamere o per adeguare le strutture utili a far funzionare correttamente quel tratto di pubblica illuminazione? Senza dubbio si. E’ facile criticare, è difficile eseguire anche mediocremente”

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa