Comuni

Scisciano, Ambiente. Il consigliere Tufano (GCS):”La pulizia e il taglio delle erbacce e la questione fogne sono due gravi problemi da risolvere. La gente è davvero stanca!”

Scisciano, 1 Agosto – Il gran caldo di questi giorni, che preannuncia un’estato da bollino rosso, porta con se problematiche importanti e serie come, per esempio,  l’indispensabile pulizia delle fogne e la questione del diserbamento delle strade che attanaglia in una morsa sempre più stretta la cittadina di Scisciano. E’ questo in sintesi l’accorato intervento del responsabile del “Gruppo Civico per Scisciano” il consigliere Saverio Tufano, nell’ultimo consiglio comunale di lunedì 31 luglio, convocato in seduta straordinaria, e svolto nella sede canonica della Chiesetta di San Giovanni Battista in Piazza XX Settembre.

Il consigliere comunale, sollecita l’intero consiglio comunale, portando nella sede istituzionale di Piazza XX Settembre, la protesta di tanti cittadini, esasperati per le deprecabili condizioni igieniche delle fogne, ma anche per la improcrastinabile questione della pulizia e taglio delle erbacce che in paese ha oramai raggiunto il livello di guardia. “Desidero fare una proposta – dichiara il responsabile del “Gruppo Civico per Scisciano” –  indirizzata all’intero consiglio comunale. In virtù delle continue sollecitazioni dei cittadini di Scisciano, propongo di unire le forze per risolvere definitivamente tre importanti problematiche che attanagliano il paese: fascio luce, erba e fogne. I cittadini sono davvero stanchi di sopportare le vergognose condizioni delle fogne, che con il caldo asfissiante, sprigionano un tanfo nauseabondo. Non solo come responsabile del “Gruppo Civico per Scisciano” ma anche come semplice cittadino avverto il dovere di intervenire perché la situazione è oramai insostenibile. E’ necessario dunque sollecitare la Gori affinché intervenga al più presto, ma dobbiamo anche assumerci le nostre responsabilità per venire a capo di questa grave situazione. C’è poi la questione dell’erbacce che è diventata davvero insopportabile…..In gran parte del paese sembra quasi di passeggiare nel “Bosco di Capodimonte”, la gente è davvero stanca! In qualità di consigliere comunale mi sento responsabile di queste gravi problematiche. Chiedo quindi a tutti, maggioranza e opposizione, di sottoscrivere un documento nel quale ci impegniamo a porre fine,una buona volta per tutte, a questi gravi disagi, anche a costo di andare personalmente a “scippà l’évera”! Se a qualcuno tutto ciò non interesse per noi invece è un punto inderogabile. “, conclude così con tono duro, deciso e grande enfasi il responsabile di “Gruppo Civico per Scisciano” Saverio Tufano.

Immediatamente chiede la parola il primo cittadino, prof. Edoardo Serpico, per la replica al consigliere di Gruppo Civico per Scisciano. “Certamente è noto a tutti voi – risponde il sindaco –  che per quanto riguarda Il discorso della manutenzione delle caditoie stradali, essa è di competenza del comune, mentre per le fogne,  la manutenzione – come hai sottolineato poc’anzi (rivolgendosi al consigliere Tufano ndr)  –  spetta appunto alla Gori. Abbiamo comunque segnalato il problema, ci hanno assicurato che l’avrebbero risolto quanto prima. Se ciò non dovesse avvenire, esistono in ogni caso altri strumenti per intervenire efficacemente. Per gli interventi di disinfestazione, riguardo il diserbamento, voi tutti sapete che il nostro servizio di raccolta è articolata in questo modo: esiste una ditta che  fa un servizio di raccolta e trasporto presso le discariche, ci sono poi due dipendenti comunali che erano addetti allo spazzamento e al diserbamento. Entrambi i dipendenti hanno presentato delle certificazioni mediche che attestano la non idoneità a svolgere questo servizio. Nel contempo abbiamo provveduto – essendo un servizio che va assicurato –  a fare una gara per l’affidamento del servizio di diserbamento ad una ditta esterna, credo che nel giro di qualche giorno sarà affidato l’incarico”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa